1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Istat: produzione industriale in calo a febbraio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Secondo mese consecutivo in frenata per la produzione industriale italiana che certifica in tal modo il previsto rallentamento dell’economia a livello globale.
Lo ha reso noto l’Istat secondo cui il dato destagionalizzato ha segnato un calo dello 0,5% a febbraio rispetto al mese precedente, attestandosi a 98,8 punti. Il confronto del dato grezzo con lo stesso periodo del 2006 ha registrato invece un arretramento dello 0,7% (99,3 punti indice) mentre il dato sulla produzione industriale corretta per i giorni lavorativi è calato a 97,9 punti, -0,7% rispetto al febbraio 2006. Negativa anche la revisione del dato di gennaio quando la produzione industriale è calata dell’1,7% rispetto all’1,4% indicato precedentemente.
Positivo il confronto sui primi due mesi dell’anno. Il dato grezzo segna un incremento del 2% rispetto ai primi due mesi del 2006 mentre la produzione industriale corretta per i giorni lavorativi è in crescita dello 0,5%.


L’analisi per singoli raggruppamenti industriali ha messo in luce una crescita dell’1%, rispetto a febbraio 2006, per i beni di consumo durevoli che non è riuscita a controbilanciare il calo (-3,4%) della voce beni di consumo non durevoli. In crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno anche i beni strumentali e gli intermedi, rispettivamente del 3,6% e dello 0,2% mentre l’energia la produzione del settore energia è scesa del 5,9%. Questi dati confermano sostanzialmente la tendenza da inizio anno. Nei primi due mesi del 2007 e rispetto al periodo gennaio-febbraio 2006 è stata la produzione di beni strumentali a crescere maggiormente (+5,8%) seguita da beni di consumo durevoli e intermedi rispettivamente a +1,4% e +1,3%. In territorio negativo i beni non durevoli (-0,2%) ma soprattutto il settore dell’energia la cui produzione è scesa di ben 7,7 punti percentuali. Con riferimento ai dati destagionalizzati crescite contenute rispetto a gennaio 2007 per beni di consumo durevoli (+0,3%), beni strumentali (+0,2%) ed energia (+0,5%) mentre sono calati i beni intermeedi (-0,7%) ma soprattutto i beni di consumo non durevoli (-3%).

Uno sguardo infine alla produzione industriale suddivisa per attività economica. Rispetto a febbraio 2006 il dato corretto per i giorni lavorativi ha visto i maggiori rialzi produttivi per il  settore della raffinazione (+10,7%), per il tessile e abbigliamento (+4%), e per le macchine e gli apparecchi meccanici (+5,1%) mentre l’industria della carta, della stampa e dell’editoria e la produzione di acqua, gas ed energia elettrica sono stati i settori peggiori con cali rispettivamente pari al 15,2% e al 9,2%.