1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Istat, l’industria italiana mette le ali nel 2006

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

2006 record per l’industria italiana. Nel corso dei dodici mesi appena conclusi, il fatturato e gli ordinativi hanno realizzato una crescita rispettivamente dell’8,3% e del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2005. È quanto emerge dalle rilevazioni dell’Istat. Confrontando, infatti, la media del 2006 con quella del 2005, il fatturato dell’industria ha registrato un incremento dell’8,3%, quale sintesi di una crescita del 7,1% sul mercato interno e dell’11,4% su quello estero. Nello stesso periodo si è registrato un aumento degli ordinativi del 10,7%, derivante da una variazione positiva del 9,4% per gli ordinativi provenienti dal mercato interno e del 13,4% per quelli provenienti dall’estero.


Aumenti anche a livello mensile. A dicembre il fatturato è cresciuto del 2,7%, mentre gli ordinativi sono saliti del 3,4%, in progresso rispettivamente del 2,7% e dello 0,7% rispetto ai dati diffusi nel mese di novembre. In generale, l’aumento tendenziale del fatturato deriva da un incremento dell’1,6% sul mercato interno e del 5,3% sul mercato estero. La crescita degli ordinativi nasce invece da un +1,4% nazionale e da un +7,5% estero.

A livello settoriale, è il settore automobilistico a farla da padrone. Il fatturato mondo delle quattroruote è cresciuto nel 2006 del 24,5% e gli ordinativi del 13,8%. In generale, sottolineano ancora all’Istituto di statistica italiano, sono un po’ tutti i settori della meccanica ad aver registrato gli incrementi più significativi. Al rialzo anche il fatturato dei beni strumentali (+11,1%), seguiti dai beni intermedi (+9,8%). I beni di consumo hanno invece registrato una variazione di +5,1%. L’analisi per settore di attività economica mette in rilievo un aumento maggiore del fatturato per la produzione dei mezzi di trasporto in crescita di circa il 17,8%. Seguono a ruota i metalli e prodotti in metallo (+15,1%), le pelli (+11,2%), gli apparecchi elettrici e di precisione (con una crescita di oltre il 9%) e le macchine e apparecchi meccanici (+9,2%).