1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Istat: in lieve calo nel 2016 gli imprenditori che hanno avviato una nuova attività

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Calano nel 2016 gli imprenditori che hanno avviato una nuova attività, poco meno di 369mila contro i 375mila di un anno prima. A dirlo l’Istat delineando i profili die nuovi imprenditori e delle imprese ad elevata crescita.
Nel 34,6% dei casi – dice l’istituto – si tratta di imprenditori che hanno avviato circa 112mila imprese con dipendenti, nel 65,4% sono lavoratori in proprio (quasi 10 punti percentuali in più rispetto al 2015), corrispondenti a poco meno di 227mila nuove imprese senza dipendenti. Calano tra i lavoratori in proprio le quote di giovani (-4,3 punti percentuali), di laureati (-1,6 punti) e di stranieri (-1,2 punti). Al contrario aumentano tra i neo imprenditori con dipendenti le quote di stranieri (+2,1 punti percentuali) e, in misura più limitata, di donne imprenditrici (+0,5 punti). Buona la presenza femminile: oltre un quarto dei nuovi imprenditori con dipendenti (29%) è donna, quota che sale al 30,3% per le neo-imprenditrici in proprio. Le imprenditrici con laurea magistrale superano gli uomini sia tra i lavoratori in proprio (30,6% contro 18,2%) sia tra gli imprenditori con dipendenti (11,1% contro 9,4%). Inoltre, dice sempre l’Istat, quasi il 40% dei neo imprenditori in proprio con una precedente esperienza professionale di imprenditore decide di aprire la propria attività nello stesso settore economico; tale percentuale sale al 56,8% se la precedente occupazione è di lavoro dipendente. Infine in merito alle imprese ad elevata crescita (High-growth firms), nella quasi totalità dei casi gli imprenditori hanno più di 35 anni e sono per lo più uomini mentre l’8,1% è di origine straniera., un imprenditore su quattro ha almeno una laurea triennale mentre quasi uno su tre svolge la propria attività in settori ad alto contenuto tecnologico.