Istat: in Italia disoccupazione giovanile oltre il 35%

Inviato da Redazione il Ven, 01/06/2012 - 17:02
Non si ferma la disoccupazione in Italia. Ad aprile il tasso di non impiegati nel nostro Paese, secondo L'Istat, si è attestato al 10,2%, +0,1% rispetto al dato di marzo e +2,2% annuo. Si tratta del peggior dato trimestrale dall'inizio del 2000, e del più alto dal 2004, quando furono istituite le serie storiche mensili.
Il numero di disoccupati in Italia è di 2,615 milioni, 38 mila in più rispetto a marzo, contro i circa 23 milioni di occupati (28 mila unità in meno).
A pesare secondo l'Istat è la contrazione nell'occupazione maschile, -155 mila unità in un anno. Il tasso di disoccupati maschi è aumentato del 2,1% annuo al 10%. In crescita anche il tasso di disoccupazione femminile, +2,6% al 12,2%.
Oltre il 35% la disoccupazione giovanile: i 15-24enni in cerca di lavoro sono 611 mila, +7,9% annuo. Gli inattivi di quella fascia d'età sono in leggero calo mensile.
La mancanza di lavoro è una piaga che affligge anche gli stranieri in Italia: sono disoccupati il 15,3% degli immigrati, contro il 12,1% del primo trimestre 2011.
COMMENTA LA NOTIZIA