1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

L’Istat conferma la crescita record dei prezzi al consumo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Istat ha confermato la stima provvisoria sui prezzi al consumo, che in gennaio è stata pari allo 0,4%, per una variazione tendenziale annua al 2,9%, dal 2,6 per cento di dicembre. Si tratta del livello più alto dal 2001.


Il rialzo del tasso tendenziale – spiega lo stesso istituto di statistica in una nota – continua a riflettere l’accelerazione del ritmo di crescita dei prezzi nel settore dei beni, legata alle persistenti tensioni sui prezzi dei prodotti energetici e agli aumenti dei prezzi nel comparto alimentare. Al netto della componente energetica e degli alimentari freschi, la crescita tendenziale dei prezzi al consumo a gennaio 2008 sarebbe pari al 2,%, in lieve aumento rispetto al mese precedente. Un sostegno alla dinamica dell’inflazione deriva, inoltre, dall’andamento dei prezzi dei servizi che, a gennaio, hanno evidenziato una risalita del loro profilo tendenziale”.
 
Nell’ultimo mese, il contributo maggiore è attribuibile al capitolo dei Trasporti, che, assieme a quello degli Alimentari e bevande analcoliche, spiega il 54 per cento del tasso di inflazione.

 


 
A livello di capitolo, gli incrementi congiunturali più rilevanti hanno interessato l’abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+1,5 per cento), le bevande alcoliche e tabacchi (+1,1 per cento), i mobili, articoli e servizi per la casa (+0,7 per cento) e i prodotti alimentari e bevande analcoliche e (+0,6 per cento). Variazioni nulle si sono verificate nei capitoli dell’Istruzione e dei servizi sanitari e spese per la salute; si sono registrate variazioni congiunturali negative nei capitoli comunicazioni (-0,7 per cento) e ricreazione, spettacoli e cultura (-0,6 per cento). I maggiori tassi tendenziali di crescita hanno interessato i capitoli dei trasporti (più 5,4 per cento), dei prodotti alimentari e bevande analcoliche (più 4,5 per cento) e dell’abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 4,0 per cento). Una variazione negativa si è avuta nel capitolo comunicazioni (meno 8,5 per cento).