Ipo Fincantieri: sul mercato un terzo di azioni in meno, prezzo fissato a 0,78 euro

Inviato da Titta Ferraro il Lun, 30/06/2014 - 09:46
 Attracco a Piazza Affari difficoltoso per Fioncantieri che ha dovuto tagliare di circa un terzo l'ammontare delle azioni in collocamento sul mercato. L'Offerta Pubblica di Vendita e Sottoscrizione (OPVS) del colosso della cantieristica navale controllato dal Tesoro è stata così rivista a complessive 450 milioni di azioni per un controvalore complessivo di 351 milioni di euro rispetto alle quasi 704 milioni di azioni previste inizialmente. 

Il debutto a Piazza Affari è previsto giovedì 3 luglio al prezzo di 0,78 euro per azione, ossia al minimo della forchetta indicativa che andava fino a un massimo di 1 euro. Al prezzo di collocamento di 0,78 euro la capitalizzazione di Fincantieri risulta di 1.320 milioni di euro. 

A frenare l'Ipo di Fincantieri è stata principalmente la tiepida domanda da parte degli investitori istituzionali, mentre il pubblico retail si è mostrato più interessato a Fincantieri attirato anche dalla bonus share che assicura un'azione gratis ogni 20 acquistate dopo il primo anno di mantenimento delle azioni in portafoglio. Al pubblico retail inizialmente era stata destinanata una quota del 20% del totale dell'OPVS, quota che sarà incrementata alla luce dell'andamento dell'offerta. 

Fintecna, in qualità di azionista venditore, non venderà alcuna Azione nell'ambito dell'Offerta Globale. E' inoltre prevista la concessione di un'opzione di overallotment per 50.000.000 Azioni che saranno messe a disposizione da Fintecna, società interamente controllata da Cassa Depositi e Prestiti (Cdp). 

Il ricavato complessivo derivante dall'Offerta Globale, calcolato sulla base del Prezzo di Offerta, al netto delle commissioni massime riconosciute al Consorzio per l'Offerta Pubblica e al Consorzio per il Collocamento Istituzionale, è pari a circa 343,6 milioni. 

I numeri di Fincantieri
Il gruppo, che ha sede a Trieste, conta complessivamente oltre 20 mila dipendenti, di cui 7.700 in Italia, e 21 stabilimenti in 4 continenti. Fincantieri ha chiuso il 2013, che include il consolidamento integrale di VARD Holdings Limited (di cui ha acquisito il controllo nel gennaio 2013 e attualmente detiene il 55,63% del capitale), con ricavi pari a 3,811 miliardi di euro dai 2,3 mld dell'anno precedente, un ebitda di 298 milioni di euro e un utile netto di 85 milioni. Nel corso del 2013 sono stati acquisiti ordini per euro 4.998 milioni, per un totale di 31 unità. Lo scorso 22 maggio Fincantieri ha ricevuto una commessa da 2,1 miliardi di euro da MSC Crociere per la costruzione di 2 nuove navi da crociera, più un'ulteriore unità in opzione. 
COMMENTA LA NOTIZIA