Investimenti alternativi: AIPB, l'arte resiste alla crisi -2

Inviato da Redazione il Mer, 12/11/2008 - 14:39
La prestazione più richiesta dalla clientela alle banche private che offrono servizi di Art Advisory e di tutela del patrimonio è la stima del proprio patrimonio artistico da determinare per fini assicurativi, patrimoniali o successori. "Il mercato dell'arte - secondo il Capitano Andrea Ilari, Comandante Nucleo Tutela Patrimonio Culturale Monza dell'Arma dei Carabinieri - non è esente da rischi, che si presentano in particolare nel momento dell'intermediazione e della vendita in cui si inseriscono gli operatori di pochi scrupoli e gli abili produttori dell'illusorio che offrono opere di artisti di ogni epoca e fama internazionale non sempre a prezzi ridotti, rilasciando all'occorrenza autentiche e documentazioni di ogni sorta". "L'arte - ha affermato Cristina Ragazzoni, Presidente della Commissione Tecnica AIPB Art Banking - rappresenta una componente importante della ricchezza complessiva di molte famiglie, e come tale va correttamente gestita e valorizzata. Una gestione che necessita di un approccio professionale e di una consulenza specializzata". L'unicità di ogni pezzo comporta infatti una grande complessità nella sua corretta valutazione e rimanda inevitabilmente a problematiche legate all'autenticità. Dietro la passione, quindi, si inserisce il servizio di art advisory offerto alla clientela dalle banche private, volto a ridurre i rischi di un acquisto incauto, ingannevole o sovrastimato. "Solo alcune Banche Private in Italia - ha concluso Cristina Ragazzoni - offrono oggi il servizio di Art Advisory, ma tutte dovrebbero affiancare il cliente nelle problematiche di compravendita, valorizzazione e conservazione delle opere d'arte".
COMMENTA LA NOTIZIA