IntesaSanpaolo, il quadro grafico suggerisce una vendita

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pur essendo considerata da molti analisti la banca su cui puntare a livello borsistico dopo l’instabilità che ha colpito Unicredit con la partenza di Profumo, Intesa Sanpaolo ha subito nel corso delle ultime sedute un brusco deterioramento grafico. Nella fattispecie le azioni sono state respinte per il momento dalle resistenze di area 2,50. Il primo segnale negativo si è palesato ieri, quando Intesa Sanpaolo ha incrociato al ribasso, sul grafico a 30 minuti, le medie mobili a 14 e 55 periodi Oltre a questo elemento è stata violata al ribasso la trend line rialzista ottenuta unendo i minimi crescenti dell’8 settembre a 2,3075 euro e del 17 settembre a 2,3675 euro. Il cedimento della trend apre dunque la possibilità di andare short in caso di un rimbalzo fino in prossimità di 2,41 euro. Posizionando lo stop oltre 2,4575 euro, chi volesse intraprendere questo tipo di operatività può puntare al target di 2,25/2,26 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…