1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Intesa Sanpaolo, sotto pressione i minimi di metà marzo

QUOTAZIONI Intesa Sanpaolo
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il mercato fa di tutta l’erba un fascio e penalizza il comparto bancario. Il titolo Intesa Sanpaolo non scampa alle vendite e perde il 2,5% circa dopo che un altro istituto di credito, Ubi Banca, ha lanciato un aumento di capitale per migliorare i suoi ratios patrimoniali. Intesa costruisce così la terza candela nera consecutiva ritornando sui minimi di metà marzo a 2,13 euro, ora recuperati dopo un minimo di seduta a 2,106 euro. La tenuta di questa quota è importante per evitare una prosecuzione dei ribassi fino al target finale costituito dalla base del canale ribassista, a 1,98 euro circa, che accompagna le quotazioni di Intesa Sanpaolo dal 17 febbraio scorso. Pertanto, in caso di chiusura sotto 2,13 euro, possibile inserire ordini in vendita su rottura dei minimi odierni a 2,10 euro con target a 2,07 e 2 euro successivamente e stop loss su recupero, sempre in chiusura di seduta, di quota 2,13.