1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Intesa-Sanpaolo, pronte per fare shopping all’estero con più di 7 mld a disposizione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sei milioni di clienti e 1400 sportelli sparsi qua e là soprattutto in Europa centro-orientale sono un buon punto di partenza per Intesa-Sanpaolo. Ma non è abbastanza per tenere testa ai “cugini” di Unicredit ben posizionati in Europa dopo l’acquisizione delle tedesca Hvb. Ecco perché. Appena messi a posto i tasselli dell’integrazione, una delle sfide del nuovo colosso sarà la campagna acquisti in Europa. Il passo è obbligato, ma la nuova plancia di comando dell’istituto sa bene di avere a disposizione le munizione necessarie per procedere come un esercito all’attacco. Già, perché oltre alla massa di sportelli, la montagna di clienti e gli utili che porterà in dote, la maxi-fusione assicura al nuovo gruppo una forza patrimoniale di tutto rispetto. Circa 7,4 miliardi, stimano gli analisti di Banca Leonardo. Questo vuol dire che Intesa e Sanpaolo avranno a disposizione oltre 7 miliardi da puntare allo sviluppo internazionale. Le banche europee sono, dunque, avvertite. Tuttavia, prima di vedere il gruppo all’opera dovrà passare un po’ di tempo. L’ipotesi più probabile è che, più a breve termine, almeno una fetta del cash sarà utilizzato per remunerare gli azionisti.