Intesa Sanpaolo: operazioni a Biella pienamente rispettose delle norme

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 03/07/2012 - 11:24
Quotazione: INTESA S.PAOLO
Intesa Sanpaolo, "in relazione alle recenti notizie di stampa riguardanti indagini della Procura della Repubblica di Biella su presunte irregolarità fiscali commesse dalla Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli quando faceva parte del gruppo, sottolinea che si tratta di operazioni effettuate nel 2006 ritenute dai competenti uffici dell'Istituto pienamente rispettose delle norme civili e fiscali vigenti". Così recita un comunicato diffusi da Ca' de Sass. La notizia risale a domenica quando secondo indiscrezioni di stampa il ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, sarebbe indagato dalla procura di Biella per presunti reati fiscali legati alla precedente posizione di amministratore delegato di Banca Intesa e consigliere delegato di Intesa Sanpaolo. I fatti sarebbero relativi al periodo tra il 2006 e il 2007 e riguarderebbero un'operazione di arbitraggio fiscale internazionale transitata attraverso Biverbanca, istituto allora controllato da Intesa e successivamente ceduto a Monte dei Paschi. Intesa Sanpaolo "è a disposizione della Magistratura per fornire ogni possibile chiarimento". L'istituto di credito inoltre "ricorda che la contestazione fiscale in questione rientra tra quelle già definite con l'Agenzia delle Entrate, delle quali si è data informativa anche nella Nota integrativa consolidata 2011; alla definizione delle predette controversie si è pervenuti, pur nella convinzione della correttezza del proprio operato, in ragione dell'inopportunità di coltivare procedure contenziose defatiganti ed onerose".
COMMENTA LA NOTIZIA