1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Intesa Sanpaolo: Messina, risultati I trimestre base di partenza positiva per intero anno

QUOTAZIONI Intesa Sanpaolo
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Intesa Sanpaolo chiude il primo trimestre del 2014 con risultati solidi, che rappresentano una base di partenza positiva per l’intero anno di avvio del Piano d’Impresa 2014-2017 presentato solo poche settimane fa”. Questo il commento del consigliere delegato e Ceo Carlo Messina ai risultati trimestrali presentati da ca’de Sass. “Nei primi tre mesi – spiega Messina – abbiamo realizzato un significativo aumento della redditività della banca e allo stesso tempo un chiaro miglioramento della qualità dei ricavi. L’utile netto pari a 503 milioni è il più elevato negli ultimi otto trimestri, grazie al buon andamento dei proventi dal margine di interesse e dalle commissioni. Altrettanto importante si è dimostrata l’ininterrotta disciplina applicata al controllo dei costi e alle nostre robuste politiche di accantonamento, nonostante l’afflusso dei crediti non performing sia in calo”.

“Ci siamo inoltre attivati rapidamente – prosegue il Ceo – per avviare le prime iniziative nelle tre aree definite nel nostro Piano d’Impresa, New Growth Bank, Core Growth Bank e Capital Light Bank, inclusa la creazione di Mediocredito Italiano come nuovo hub finanziario per le Pmi e il lancio di Banca 5, che già dispone di 1.800 relationship manager sul territorio”.

“I risultati presentati oggi mostrano i primi segnali positivi di un contesto economico e della nostra attività in miglioramento, mentre assistiamo a un’ulteriore conferma della capacità di Intesa Sanpaolo di rafforzare la propria posizione come una delle banche più solide del mondo. Non dimentichiamo però che i nostri obiettivi sono molto impegnativi: ciò ci porta a essere fermamente concentrati verso l’obiettivo di un’efficiente e coerente attuazione del nostro Piano finalizzato alla crescita e alla redditività sostenibile di una Banca in grado di rispondere al meglio alle nuove esigenze di circa 20 milioni di clienti grazie al contributo delle 90mila persone che ne fanno parte”, conclude Messina.