Intesa Sanpaolo: Guzzetti, nessuna lite ai vertici. Passera esclude un suo ritorno

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 27/09/2013 - 12:28
Quotazione: INTESA S.PAOLO

Non ci sono litigi in Intesa Sanpaolo. Così il presidente della Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, che ha in mano il 4,9% della banca Mi-To, ha cercato di calmare le acque in Ca'de Sass dopo l'intensificarsi negli ultimi giorni delle indiscrezioni sulle possibili tensioni tra il presidente del consiglio di sorveglianza, Giovanni Bazoli e il Ceo Enrico Cucchiani. Tensioni che potrebbero sfociare con la possibile uscita di scena di quest'ultimo forse caldeggiata sia da Bazoli sia dallo stesso Guzzetti. L'occasione è stato l'evento all'Università Bocconi in memoria di Luigi Spaventa. Guzzetti ha poi annunciato che non ci sono in previsione incontri tra le fondazioni azioniste prima della giornata di martedì 1° ottobre, quando sono attesi riunirsi i consigli di gestione di sorveglianza dell'istituto di credito. Già domenica invece, come riportato ieri da Radiocor, potrebbe tenersi un incontro tra Bazoli e Cucchiani, al rientro di quest'ultimo da New York. Ad una domanda se sotto la gestione di Cucchiani la banca abbia di fatto raddoppiato il suo valore, Guzzetti ha risposto che ci sono dei buoni risultati che vanno bene agli azionisti.

Tra i possibili successori all'attuale Ceo, il nome più accreditato sarebbe quello dell'attuale direttore generale vicario, Carlo Messina. Corrado Passera ha invece escluso un suo ritorno ai vertici di Intesa Sanpaolo. L'ex amministratore delegato di Ca'de Sass aveva lasciato la carica nel 2011 perché nominato ministro dello Sviluppo economico nel governo di Mario Monti. Ieri era inoltre circolata una voce che vedeva dietro lo scontro all'interno del management la possibilità di un aggregazione con il Monte dei Paschi. Ipotesi questa poi bollata dal presidente del consiglio di gestione di Ca'de Sass, Gian Maria Gros-Pietro, come destituita di ogni fondamento.  Male il titolo sul dove segna un ribasso dello 0,69% a 1,594 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA