Interpump, per Ubm la cessione cleaning avvenuta a prezzo fair

Inviato da Redazione il Mar, 19/04/2005 - 11:51
Quotazione: INTERPUMP GROUP
Ha fatto un affare Interpump a cedere la sua divisione cleaning ai due fondi d'investimento, che si sono fatti sotto. Lo sostengono anche gli analisti di Ubm in una nota uscita oggi e raccolta da Spystocks. "Nel 2004 la divisione ha fatturato 336 milioni con un Ebitda di 31,7 milioni e un Ebit di 20,9 milioni. Per il 2005 stimiamo un fatturato 352 milioni con un Ebitda di 34,5 milioni di euro e un Ebit di 23,3 milioni. Questa divisione ha margini più bassi rispetto alle altre divisioni del gruppo", spiegano numeri alla mano gli esperti della prestigiosa merchant bank, ricordando che il gruppo era impegnato in una delocalizzazione in Asia per migliorare la redditività. Tornando alla cessione annunciata "l'enterprise value per il 100% di IP Cleaning è di 220 milioni con un indebitamento finanziario di 145 milioni. Il ratio EV/Sales pagato è di 0,62 volte sulle vendite 2005, sostanzialmente al di sotto del multiplo di Interpump di 1,1 volte 2005. Tuttavia, tenendo conto della minore profittabilità, i multipli di redditività sono allineati a quelli del gruppo Interpump: per il 100% del cleaning EV/Ebitda 2005 a 6,3 volte contro 6,95 volte per il gruppo e EV/Ebit di 9,46 volte contro 9,19 volte del gruppo", snocciolano gli esperti, arrivando a dimostrare che la cessione è avvenuta a un prezzo fair. "Confermata la nostra view positiva sul titolo che tratta ad un P/E di 10,4 volte sulle nostre stime 2005". Rating hold (titolo da tenere in portafoglio) confermato su Interpump con fair value indicato a 4,8 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA