L'interesse per il lusso italiano rimane alto, la tedesca Halder compra la toscana Bottega Manifatturiera Borse

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 18/09/2013 - 16:51
Halder, holding tedesca di private equity che grazie a un fondo dotato di 325 milioni di euro di capitale ha le PMI come obiettivo di investimento, ha completato un'operazione di MBO/MBI (Management Buy-Out/ Buy-In, ndr) su Bottega Manifatturiera Borse, azienda italiana produttrice di articoli di pelletteria di lusso. L'operazione odierna va ad aggiungersi alle 42 già portate a termine negli ultimi anni in Europa.

Bottega Manifatturiera Borse, società fondata a Firenze nel 1968 e con sede a Scandicci (FI), produce borse e accessori in pelle per selezionati brand del lusso e per il label di proprietà "Gianfranco Lotti". L'investimento è volto a garantire una continuità all'azienda fondata da Gianfranco Lotti e dalla sua famiglia.

Bottega Manifatturiera Borse ha acquisito negli anni una fama di livello internazionale nel ramo delle borse di lusso, tanto da essere considerata oggi tra i leader europei in termini di qualità e di affidabilità. Fattori che hanno portato la società a registrare nel 2012 ricavi pari a 34,8 milioni di Euro.

Grazie anche alla crescita che si dovrebbe registrare nei prossimi 5 anni nei mercati emergenti, l'azienda ritiene di potere raddoppiare nel medio termine i ricavi del 2012 allargando la propria base clienti e internazionalizzando il label "Gianfranco Lotti".

Per supportare gli ambiziosi piani di espansione di Bottega Manifatturiera Borse, Halder ha rafforzato il management, già costituito da Gianfranco Lotti e dalla General Manager Marta Carcasci, che rimarranno in azienda, con la nomina di Franco Lucà in qualità di nuovo CEO dell'azienda. Il manager in precedenza aveva già ricoperto tale incarico in un'operazione di MBI portata a termine da Halder su GEKA.
COMMENTA LA NOTIZIA