1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Intel, record per il fatturato in attesa degli ultrabook

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Intel festeggia il quinto trimestre di fila di fatturati record e pensa già alla fase due del mercato informatico. Il giro d’affari del periodo appena archiviato ha raggiunto la cifra di circa 13 miliardi di dollari, in crescita del 21% rispetto ad un anno fa. Ottimi risultati anche per quanto riguarda l’utile netto, a circa 3 miliardi di dollari (+2%) rispetto allo stesso periodo del 2010, con un utile per azione (eps) a 54 centesimi, balzato del 6% sull’anno precedente.


A spingere il giro d’affari del produttore mondiale di microprocessori è stata la capacità di cavalcare l’onda di un mercato globale sempre più a due velocità. Se infatti nei Paesi emergenti, soprattutto nell’Asia-Pacifico, la crescita è legata ad un’espansione del segmento consumer, con un aumento nella domanda di macchine e collegamenti internet, in Europa e Stati Uniti il mercato si sta spostando verso una fase più evoluta. L’esigenza è infatti quella di gestire dati non più solo testuali ma resi più complessi da formati video e audio, che richiedono apposite architetture “embedded” e strutture “cloud” per poter essere utiizzati.


“E’ proprio in questo ultimo settore che si è registrata la crescita più impressionante, dell’84%” afferma Dario Bucci, Ceo di Intel per l’Italia e la Svizzera. “Le nuove strutture architettoniche per ora non portano a fatturati significativi, ma il mercato sta evolvendo in quella direzione”. Lo confermano anche le novità di Apple e Microsoft, con l’iCloud e il cloud computing per le aziende, tanto che le principali case informatiche sono coinvolte da Intel nella sua “Cloud builder initiative”, un’iniziativa mirata a cercare le ricette migliori per rendere le soluzioni “nuvola” più appetibili per le aziende e non solo. L’Italia si colloca in pieno nel nuovo trend di mercato, con un indebolimento del segmento consumer e un maggiore dinamismo nella domanda di aziende medie e grandi, soprattutto nell’acquisto di server e data center. Vanno male invece le vendite dei microprocessori Intel Atom, il cui fatturato è calato del 15% a 352 milioni di dollari, a causa della velocità con cui i microprocessori vedono ridursi le proprie dimensioni, rendendo vani gli investimenti fatti solo poco tempo prima. Le tendenze del futuro? Si chiamano “ultrabook”, e sono l’evoluzione naturale del notebook: pc portatili sottili come un tablet, sempre connessi come uno smartphone e sicuri nella gestione dei dati. Prodotti come questo potrebbero entrare sul mercato già a partire da Natale, e sono destinati a rimpiazzare i vecchi pc.”Il presidente Paul Otellini ha parlato di una crescita globale nelle vendite dei pc tra l’8 e il 10%, in diminuzione rispetto al passato”, afferma il Ceo Dario Bucci. “In realtà ci aspettiamo anche che gli ultrabook arrivino a coprire il 40% del mercato complessivo dei vecchi notebook”. Il vecchio pc, dunque, si prepara ad andare in pensione.

 

Floriana Liuni