1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Lavoro ›› 

Inps: buoni lavoro sempre più utilizzati dalle imprese, soprattutto al Nord-Est

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Forte crescita dell’utilizzo dei voucher lavoro, ossia i buoni lavoro per la retribuzione delle prestazioni di lavoro accessorio. Gli ultimi dati diffusi oggi dall’Inps evidenziano un tasso medio di crescita del 70% dal 2012 al 2014 e del 75% nel primo semestre del 2015 rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. In costante aumento è anche il numero dei lavoratori retribuiti con i buoni lavoro, che nel 2014 ha superato il milione (1.016.703).
La tipologia di attività per la quale è stato acquistato il maggior numero di voucher è il Commercio (18%) seguita dai Servizi (13,7%) e dal Turismo (13%). Il ricorso ai buoni lavoro è concentrato nel Nord del Paese, e in particolare nel Nord-est, che con 82 milioni di voucher venduti incide per il 38,7%. La Lombardia, con 37,5 milioni, è la regione in cui sono stati venduti più buoni lavoro, seguita dal Veneto (29,9 milioni) e dall’Emilia Romagna (26,3 milioni).
Al crescente aumento della diffusione dei voucher, sottolinea la stessa Inps, hanno contribuito l’estensione degli ambiti di utilizzo del lavoro accessorio e anche l’ampliamento delle modalità di acquisto. Inizialmente i buoni lavoro erano reperibili solo presso le sedi Inps o tramite la procedura telematica. Successivamente si è allargato il numero dei luoghi dove possono essere acquistati, prima mediante le convenzioni con l’associazione dei tabaccai (FIT) e con le Banche Popolari, e infine con la possibilità di comprare i voucher presso tutti gli uffici postali.