1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Inizio d’ottava in calo per la Borsa di New York

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street chiude la prima seduta dell’ottava spinta al ribasso dal settore tecnologico e da quello energetico. Gli operatori, complici anche le tensioni europee, hanno preferito rimanere prudenti in attesa dell’inizio di una nuova stagione delle trimestrali (-2,53% di Alcoa). Particolarmente prese di mira Microsoft (-1,93%) ed American Express (-6,53%), la prima a causa del downgrade di Goldman Sachs, che ha ridotto la raccomandazione a neutral da buy, limando il prezzo obiettivo da 32 a 28 dollari, mentre sulla seconda hanno pesato le indiscrezioni relative un procedimento per violazione delle normative antitrust. Per quanto riguarda i dati macro, arrivato il -0,5% degli ordini industriali di agosto (consenso -0,4%) ed il +4,3% dell’indice (+2,5% per gli analisti) che misura l’andamento dei compromessi immobiliari. Il Dow ha così terminato in calo dello 0,72% portandosi a 10.751,27 punti, -0,8% dello S&P a 1.137,03 punti e -1,11% del Nasdaq a 2.344,52. A livello societario, tiene banco la vicenda Sanofi Aventis-Genzyme (+0,18%). Il gruppo francese non ha infatti alzato la posta e ha lanciato un’offerta ostile sulla compagnia americana per 18,5 miliardi di dollari. +7,22% invece per Sara Lee, che ha respinto l’offerta di takeover da 12 mld di Kohlberg Kravis Roberts & Co. Sempre per quanto riguarda l’M&A, Microsemi Corp. (+6,95%) ha annunciato l’acquisizione di Actel (+30,77%) per un controvalore di 430 milioni di dollari, pari a 20,88 dollari per azione, con un premio del 30% rispetto alla chiusura (16,02$) di venerdì. Intanto le tensioni sullo stato dell’economia affossano General Electric (-1,59%) nonostante la società abbia annunciato di essersi assicurata un accordo in Arabia Saudita da 700 mln di dollari.