1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Inflazione rallenta in Eurolandia. BCE sempre più vicina a un taglio dei tassi. Disoccupazione al 12,1%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Eurostat ha comunicato che l’indice dei prezzi al consumo ha registrato un aumento, nel mese di aprile, dell’1,2% su base annuale, inferiore alle aspettative del consensus fissate su un +1,6% a/a. A trainare il rallentamento il forte calo dei prezzi degli energetici (-0,4% rispetto al +1,7% in aprile).

Preoccupanti i dati sulla disoccupazione soprattutto nei paesi della periferia. A marzo il tasso di disoccupazione si è attestato in Spagna al 26,7%, in Grecia al 27,2% (dato del mese di gennaio), in Portogallo al 17,5% e in Italia all’11,5%. Catastrofica la situazione della disoccupazione giovanile (under 25 anni) in Spagna il tasso è pari al 55,9%, in Italia al 38,4% e in Portogallo al 38,3%.

Tali cifre (forte calo delle pressioni inflazionistiche e debolezza dell’economia reale) daranno ulteriori elementi al governatore della BCE Mario Draghi per intervenire con stimoli all’economia. Nella riunione di giovedì a Bratislava il Consiglio Direttivo dovrebbe tagliare il costo del denaro di 25 punti base dallo 0,75% allo 0,50% (ultimo taglio nel luglio 2012). Non è inoltre da escludere che nella conferenza stampa successiva alla decisione sui tassi Draghi possa introdurre uno spiraglio a ulteriori misure non convenzionali per sostenere la liquidità delle banche e rilanciare il mercato del credito, agevolandone l’accesso soprattutto alle piccole e medie imprese.

FILIPPO A. DIODOVICH
Market Strategist IG

Commenti dei Lettori
News Correlate
SETTORE AUTO

Dieselgate: GM, avviata class action negli Stati Uniti per emissioni

Dopo Volkswagen e Fiat Chrysler, anche General Motors (GM) sarebbe coinvolta nel Dieselgate, lo scandalo delle emissioni dei motori diesel. Secondo quanto riporta la stampa, sarebbe stata depositata negli Stati Uniti una denuncia contro il costruttor…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’ottava si chiude con gli indicatori di fiducia di imprese e consumatori in Italia, oltre che con i dati statunitensi su ordini di beni durevoli, crescita economica e sentiment dei consumatori. Nel dettaglio l’agenda macro:
10:00 medio ITA Fiducia…