1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Inflazione eurozona torna in positivo, mentre per l’Italia accelera la deflazione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Buone notizie per la Bce sul fronte del contrasto delle pressioni deflattive. A giugno, secondo le indicazioni preliminari diffuse oggi dall’Eurostat, è tornato il segno più davanti alla variazione tendenziale dell’indice sui prezzi al consumo con un +0,1% dal -0,1% del mese precedente. Il consensus era per una variazione nulla. A livello core i prezzi segnano un +0,9% dal +0,8% precedente (consensus era +0,8%).

Guardando le componenti principali di inflazione dell’area euro, il segmento servizi dovrebbe segnare il più alto tasso annuale (+1,1 %, rispetto al +1% di maggio), seguiti da cibo, alcol & tabacco (+0,9%, stabile rispetto a maggio), beni industriali non energetici (+0,4%, rispetto al +0,5% di maggio) e l’energia ( -6,5%, rispetto al -8,1% di maggio). 

In Italia variazione negativa passa da -0,3% a -0,4% 
Indicazioni in direzione opposta dall’Italia. A giugno, secondo le stime preliminari diffuse dall’Istat, l’inflazione registra un aumento dello 0,1% su base mensile e una diminuzione su base annua pari a -0,4% dal -0,3% fatto registrare nel mese di maggio. La lieve accentuazione della flessione su base annua dell’indice generale, sottolinea l’Istat, è principalmente da attribuire al rallentamento della crescita dei prezzi degli Altri beni (+0,4%, era +0,7% il mese precedente), che includono beni durevoli, semidurevoli e non durevoli, solo in parte compensato dal ridimensionamento della flessione di quelli dei Beni energetici non regolamentati (-8,1%, da -10,0% di maggio) e dall’accelerazione della crescita dei prezzi dei Tabacchi (+2,9%, era +2,0% il mese precedente).