Inflazione Eurozona frena più del previsto e torna sotto target Bce

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tira il freno l’inflazione dell’area euro. A marzo, stando alla stima preliminare diffusa dall’Eurostat, l’inflazione è diminuita più del previsto a marzo, alleviando così le pressioni sulla Bce per rimuovere gli stimoli di politica monetaria.

A marzo, l’indice dei prezzi al consumo segna un +1,5% annuo dal +2% del mese precedente, livello corrispondente al target indicato dalla Bce. Il consensus era +1,8%. A livello “core” l’inflazione risulta di +0,7% dal +0,9% precedente (consensus +0,8%). 

Spinta maggiore arriva dall’energy
L’energia si conferma il principale motore che spinge verso l’alto i prezzi (+7,3% rispetto al +9,3% nel mese di febbraio), seguita da cibo, alcol e tabacco (1,8% rispetto al 2,5% nel mese di febbraio), servizi (1% rispetto all’1,3% in febbraio) e beni industriali non energetici (0,2%, stabile rispetto a febbraio).

Moderata la reazione dell’euro che si mantiene poco sotto la soglia di 1,07 contro il dollaro, livello che aveva violato al ribasso alla vigilia in scia al forte calo dell’inflazione tedesca e all’onda lunga delle indiscrezioni secondo cui l’istituto guidato da Mario Draghi avrebbe considerato eccessiva la reazione dei mercati al messaggio emerso nell’ultima riunione di marzo e avrebbe di conseguenza intenzione di ripresentare, nella riunione di aprile, l’impegno a sostenere una politica monetaria accomodante.

Da aprile QE più leggero
A partire da aprile la Bce ridurrà a 60 miliardi di euro gli acquisti mensili di asset, che nei programmi si protrarrà almeno fino a fine 2017. Ieri Standard & Poor’s ha diffuso un report sull’Europa in cui prevede che gli acquisti sarano ridotti a 40 miliardi al mese già nel secondo semestre di quest’anno. Allo stesso tempo, nella seconda metà dell’anno la BCE dovrebbe portare il suo tasso sui depositi, attualmente a -0,4%, più vicino allo zero. Di contro il livello dei tassi di interesse è visto da S&P rimanere fermo a zero almeno fino al 2019.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…