1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Industria mineraria, aumentano le operazioni straordinarie

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le operazioni di fusione e acquisizione in campo minerario sono raddoppiate nella prima metà dell’anno. Lo riporta Bloomberg, citando fonti di Ernst&Young, che prevede un’estensione del trend anche per il resto dell’anno. Il valore delle operazioni ha raggiunto i 96,3 miliardi di dollari, dai precedenti 47,9 di un anno fa, pur diminuendo il numero assoluto dei deal, da 573 a 511. Operazioni da 33 miliardi sono state portate a termine nel solo mese di giugno. Nel resto del 2011, le fusioni e acquisizioni potrebbero proseguire con un buon ritmo grazie alla crescente richiesta di rame e acciaio (e, di riflesso, anche di carbone). L’australiana Mcarthur Coal è già oggetto di offerte intorno ai 5 miliardi di dollari da parte del maggior gruppo siderurgico al mondo Arcelor Mittal e dalla compagnia energetica Peabody Energy. Aumentano anche le quotazioni di gruppi minerari, cresciute da 30 a 73 nel primo semestre, per una raccolta di 13 miliardi di dollari. La più importante, quella di Glencore sulle piazze di Londra e Hong Kong.