Industria: Grimaldi, la fase piu' acuta e' alle spalle

Inviato da Redazione il Lun, 08/08/2005 - 12:26
La produzione industriale italiana cade dello 0,7% a giugno ben al di sotto
delle attese, che indicavano una flessione più modesta dello 0,1%. "I dati di maggio e giugno sono decisamente coerenti con le indicazioni delle indagini Isae e PMi che fino a luglio hanno mostrato un clima di fiducia depresso ed un giudizio sull'andamento della produzione piuttosto negativo", commenta Anna Grimaldi dell'ufficio studi di Banca Intesa questa mattina. "Guardando avanti l'industria italiana potrebbe trarre un po' di sollievo da questa fase di ripresa della domanda globale e dal deprezzamento del cambio. Tuttavia, riteniamo che i problemi strutturali dell'industria italiana persistono", sostiene l'esperta. "E' possibile che la fase più acuta sia passata, è comunque necessario un ripensamento del modello produttivo e delle scelte strategiche per riguadagnare competitività sulla scena mondiale", è la ricetta che suggerisce Anna Grimaldi.
COMMENTA LA NOTIZIA