Un indice sul debito EM per approfittare dei fondamentali dei Paesi emergenti

Inviato da Floriana Liuni il Gio, 06/12/2012 - 10:48


Investire nel debito emergente? Secondo il team di Exane Derivatives è un buon affare. "Si tratta dell'unica asset class che permette di esporsi agli ottimi fondamentali dei paesi emergenti, che ha dato prova della sua capacità di resistenza in un contesto internazionale poco favorevole", è il parere degli esperti.



La maggior parte dei paesi emergenti ha registrato continui miglioramenti dei fondamentali dal 2007 e la positiva dinamica dei flussi (supportata in particolare dalla domanda) ne é la testimonianza:




o il rapporto debito pubblico / PIL si attesta in media sul 35% nei paesi emergenti contro l'85% nella maggior parte dei paesi sviluppati;

o il deficit pubblico rappresenta in media il 2,5% del PIL contro il 6% nei paesi sviluppati;

o il debito a breve termine è coperto dalle riserve di cambio;

o circa il 60% degli emittenti appartengono alla categoria investment grade contro il 40% nel 2007;

o sia l'offerta che la domanda, costituita oltre che da gestori internazionali ormai anche da fondi pensione, dalle compagnie assicurative e dai fondi sovrani locali, continuano a crescere.


 


L'asset class "debito emergente" è composta da tre segmenti che si comportano diversamente in funzione del contesto e del livello di avversione per il rischio:




1. debito sovrano in dollari, emesso dai paesi più rischiosi in modo che l'investitore non assuma il rischio di svalutazione;

2. debito sovrano in valuta locale per il quale l'investitore, a fronte del rischio valutario assunto, beneficia di rendimenti superiori;

3. debito corporate, in aumento negli ultimi anni supportato dalla crescita economica, dalla disintermediazione degli emergenti e dal deleveraging delle banche europee.




La scelta di un solo segmento per esporsi al debito emergente o di un'allocazione statica non rappresenta la soluzione ideale tenuto conto delle caratteristiche specifiche di ogni segmento e dell'elevata correlazione.


 


Per investire nel debito emergente, il team di Exane Derivatives propone l'EMI Emerging Debt Index, un indice dinamico gestito attivamente che consente di:

1. Ottimizzare l'asset allocation attraverso la definizione e la selezione di portafogli modello a cui corrispondono diversi scenari e contesti macro-economici;

2. Selezionare periodicamente i migliori fondi d'investimento esposti ai 3 segmenti.




Ogni tre mesi, il Comitato Tecnico dell'Indice si riunisce per stimare l'andamento della situazione economica nel trimestre a venire, indicare l'allocazione tra i 3 segmenti del debito emergente e il cash e selezionare quantitativamente e qualitativamente per ogni segmento i fondi d'investimento.
COMMENTA LA NOTIZIA