L'incertezza zavorra ancora l'euro, indicazioni positive da economia tedesca

Inviato da Titta Ferraro il Mer, 12/05/2010 - 09:48
La crisi del debito in Europa continua a condizionare gli investitori con l'euro ancora debole rispetto al dollaro e l'oro, classico bene rifugio, che ha aggiornato i massimi storici sopra quota 1.230 dollari l'oncia. La moneta unica europea viaggia a quota 1,266 dollari non lontano dai minimi a 14 mesi toccati giovedì scorso (1,2522 dollari). Cross euro/dollaro che dopo aver toccato un minimo intraday a 1,2606 ha progressivamente risalito la china grazie anche ai riscontri oltre le attese arrivati dall'economia tedesca.

La Germania nel primo trimestre del 2010 ha visto il proprio pil salire dello 0,2% t/t e dell'1,6% su base annua. I dati preliminari dell'ufficio federale di Statistica hanno superato le attese degli analisti che si aspettavano crescita zero su base trimestrale. Sotto le attese invece il pil francese salito dello 0,1% t/t e dell'1,2% a/a. Le attese erano per un +0,3% t/t e +1,4% a/a. Indicazioni confortanti dalla penisola iberica con la prima lettura flash del pil spagnolo che vede una crescita trimestrale (+0,1% t/t) per la prima volta dal secondo trimestre 2008. A livello tendenziale risulta ancora in calo dell'1,3%. Oggi il premier spagnolo, Jose Luis Zapatero, ha confermato in un discorso al Parlamento il varo di misure aggiuntive per risanare i conti pubblici con taglio del budget di un ulteriore 1,5% e taglio dei salari pubblici e congelamento degli stessi nel 2011. "Queste nuove misure sono indispensabili", ha rimarcato il primo ministro spagnolo. Indicazioni positive anche dal Portogallo cresciuto dello 0,4% su base trimestrale nei primi 3 mesi del 2010.

L'agenda economica di oggi vede in primo piano gli annunci del Pil dell'Italia e dell'Eurozona relativi al primo trimestre del 2010. Secondo il consensus nei primi tre mesi dell'anno l'economia in Italia è cresciuta dello 0,4% t/t mentre in Europa ha registrato un progresso dello 0,1% t/t. I dati diffusi dall'Eurostat dovrebbero indicare inoltre un ritorno alla crescita dell'eurozona su base annua (+0,5 per cento le stime di consensus dal -2,4% di fine 2009). Le ultime stime della Commissione Europea, riviste al rialzo settimana scorsa, vedono una crescita dello 0,9 per cento del pil nel 2010 (dal +0,7% indicato in precedenza) per poi accelerare a più 1,5 per cento il prossimo anno. Tra i principali Paesi europei, a crescere maggiormente quest'anno dovrebbero essere Francia (+1,3 per cento) e Germania (+1,2 per cento). L'ultimo rapporto del Fmi sull'eurozona vede una crescita dell'1% per l'area euro con sempre Francia e Germania a guidare l'ascesa, in negativo invece dovrebbe confermarsi il pil spagnolo (-0,4% la stima dell'Fmi).
COMMENTA LA NOTIZIA