In Egitto continuano le rivolte, area vitale per Italcementi. Titolo sotto pressione

Inviato da Alberto Bolis il Gio, 27/01/2011 - 14:53
Resta altissima la tensione in Egitto con le proteste contro il presidente Hosni Mubarak, in carica da 30 anni, che non accennano a placarsi. Dallo scorso martedì, ovvero dal giorno dello scoppio dei disordini, sono stati effettuati mille arresti. Italcementi resta sotto pressione a Piazza Affari, dove cede l'1,25% a 6,31 euro, visto che il Paese nordafricano rappresenta un'area vitale per il gruppo della famiglia Pesanti, che proprio in Egitto genera circa il 25% dell'Ebitda. "La crisi politica - fanno notare gli analisti di Intermonte - potrebbe avere ripercussioni sulla domanda proprio nell'anno in cui sta arrivando la nuova capacità produttiva (+17% nel 2011) dopo la vendite di nuove licenze avvenuta lo scorso anno".
COMMENTA LA NOTIZIA