In diretta dalla City - Perché l'euro è venduto

Inviato da Redazione il Lun, 17/05/2010 - 10:05

Da Londra un trader italiano di una banca internazionale, dietro la promessa dell'anonimato, ci guida sui mercati finanziari con il taglio operativo proprio di un professionista della finanza. Per mantenere intatta questa caratteristica si è scelto di non filtrare il commento originale, conservandone quindi anche i tecnicismi. Ecco di cosa si parla oggi nelle sale operative della City. Buona lettura.


1 - DATI E MERCATI
Venerdi di take profit e avversione al rischio.
Si vendono equity e commodity: S&P -1.88%, EuroStoxx -4.71% (settoriale banche -7.27%!!!), Ice Brent -4.40%, Vix index (= indice di vola del mercato equity US) a 31.24 (+4.50, circa +15%).
Si acquistano US Treasury (10y a 3.4108 -10bps), Bund (10y a 2.8480 -7bps) e Gold (contro Eur sopra eur1000/oz).
In peggioramento i CDS del club Med e lo spread tassi Germania/Grecia.
Pesanti le vendite su Eur. Dal punto di vista tecnico siamo ai minimi degli ultimi 4 anni (prossimo target 1.2135 = 50% ritracciamento del move del 2000). Si e' disposti a pagare un premio per hedgiarsi contro
Eur: e' il classico "sell off".

2 - PERCHE' L'EURO E' VENDUTO?
In estrema sintesi, 3 le ragioni:

a) il piano europeo da Eur750bio risolve i problemi di liquidita' di banche e Governi ma fa ben poco per risolvere i problemi di lungo termine (solvibilita' e riforme strutturali). Si guadagna tempo, nella speranza che le cose si aggiustino da sole (e non succede quasi mai nella vita).
b) La ECB, spinta dai politici europei, acquistera' bond governativi (Trichet aveva detto esattamente il contrario!): c'e' il sospetto che si sacrifichi l'indipendenza della Banca Centrale. La BCE appare, giorno dopo giorno, meno credibile.
c) il Sud Europa sembra destinata ad una crescita zero (o negativa).
Purtroppo, ai problemi "strutturali di lungo termine" (che tutti conoscono) si aggiungeranno delle manovre fiscali restrittive e una politica monetaria NON espansiva (la ECB ha dichiarato che sterilizzera' l'acquisto di bond nel mercato aperto, anche se pochi ci credono).
 
Tre sono le conseguenze:
- senza interventi della BCE, lo spread tassi Germania e club Med si allarghera';
- l'Eur rimarra' debole (e' oramai "snobbato" anche dai tesorieri delle Banche Centrali che diversificano con il Gold);
- fra 2/3 anni la Grecia dovra' ristrutturare il proprio debito: bello lo spread (short) CDS 1y/3y Grecia.
 
3 - DATI OGGI
Empire, TIC flows
Suggeriamo di shortare Eur sulla base del grafico intraday Bank Sector in Europa (e sulla base dei CDS dei Club Med): correlazione prossima ad 1.
Bello lo Spread (short) CDS 1y/3y Grecia, il long Gold (record di vendite di Krugerrands in Germania e crescita records di holdings di oro da parte di SPDR Gold Trust!). Nel mondo equity lo spread Dax-Ibex (suggerito venerdi) sembra la cosa piu' ovvia. Sono tutti short Eur, per questo, se ci saranno take profit, il move al rialzo sara' "veloce".
 

Mr.Rosebud
 
Se vuoi commentare l'articolo o approfondire/criticare le tesi esposte scrivi a  commenti@finanza.com
 
I commenti più interessanti saranno pubblicati e riceveranno risposta compatibilmente con gli impegni professionali di Mr. Rosebud.

COMMENTA LA NOTIZIA