1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

In diretta dalla City – Oggi il downgrade dell’Irlanda?

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Da Londra un trader italiano di una banca internazionale, dietro la promessa dell’anonimato, ci guida sui mercati finanziari con il taglio operativo proprio di un professionista della finanza. Per mantenere intatta questa caratteristica si è scelto di non filtrare il commento originale, conservandone quindi anche i tecnicismi.
Ecco di cosa si parla oggi nelle sale operative della City. Buona lettura.

 

 

1 – DATI E MERCATI
Altra giornata “densa” di eventi:
 
a) dopo il Portogallo, la Grecia e la Spagna (ieri downgradata da S&P con outlook negativo).
Oggi potrebbe essere la volta dell’Irlanda (che ha lo stesso rating della Spagna ma un debito e un deficit fiscali peggiore).
– Eur (ovviamente) sotto pressione (minimo a 1.3115, circa -1% in intraday);
– flight to quality verso Gold (in intraday a $1166/oz, massimo degli ultimi 4 mesi)
– R/R 25 delta Eurusd 1month a 1.95 (minimi da oct 08) e volatilita’ ad 1 mese a 12.30% (+2% in due giorni) : chiari segnali di stress.
 
b) il 10y Grecia e’ a 9.77%, il 10Y Portogallo a 5.75% e il Gov Spagnolo a 4.15%. La Germania e’ a circa il 3%.
– sono spread non accettabili per Paesi destinati ad una crescita (purtroppo) asfittica e che condividono lo stresso cross valutario (l’Eur doveva spingere le riforme strutturali, non essere una “camera a gas”!)
– ci sono chiari segnali di “contagio”. Per questa ragione, per salvaguardiare la credibilita’ dell’Euro e dell’Europa, e perche’ le banche francesi e tedesche sono orribilmente esposte verso i bond greci,  interverra’ il FMI con un bailout di Eur120bn in 3 anni. La Merkel giustamente ha dichiarato che e’ stato un errore accettare la Grecia in Europa.
 
2 – CHE SUCCEDERA’?
La successione degli eventi e’ chiara:
a) entro il fine settimana il Governo tedesco negoziera’ con la Grecia il “pacchetto” di salvataggio (ma la Grecia si e’ gia’ opposta a tagli dei salari: incredibile).
b) lunedi ci sara’ la discussione nel Parlamento tedesco;
c) il FMI e’ determinato a sostenere la Grecia (insieme a l’Europa “deve” farlo).
 
Probabilmente ci sara’ il downgrade dell’Irlanda (ma non dell’Italia -escluso ieri da Fitch-), i mercati lentamente dovrebbero tranquillizzarsi e Eur recuperare nel breve terreno. Ma la credibilita’ e’ un asset che una volta perso e’ difficile da riconquistare. Per questo nel medio/lungo rimaniamo negativi (Eur sotto 1.25 nel medio?)
 
3 – FOMC IERI
Ieri la Fed ha ripetuto il mantra: “tassi bassi a lungo termine”. Notare che Tom Hoenig, presidente delle Federal Reserve Bank of Kansas City, da sempre in favore per un rialzo dei tassi, fa sempre piu’ proseliti. Se i dati macro dovesssero confermarsi positivi (determinante NFP del prossimo mese), il wording “for an extended period of time” potrebbe presto essere eliminato: sarebbe brutalmente positivo Usd e negativo equity US (che secondo noi scenderanno di 10/15%)
 
4 – DATI OGGI
Claims in Us (sempre interessante perche’ e un dato settimanale e la serie storica è dettagliata): potrebbe essere la giornata del (parziale) recupero dell’Eur?


Mr. Rosebud


 


Se vuoi commentare l’articolo o approfondire/criticare le tesi esposte scrivi a  commenti@finanza.com


 
I commenti più interessanti saranno pubblicati e riceveranno risposta compatibilmente con gli impegni professionali di Mr. Rosebud.