In diretta dalla City – le ragioni del recupero dell’euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Da Londra un trader italiano di una banca internazionale, dietro la promessa dell’anonimato, ci guida sui mercati finanziari con il taglio operativo proprio di un professionista della finanza. Per mantenere intatta questa caratteristica si scelto di non filtrare il commento originale, conservandone quindi anche i tecnicismi. Ecco di cosa si parla oggi nelle sale operative della City. Buona lettura


 

1 – DATI E MERCATI
Ieri e’ stata una giornata favorevole al “risk basket”:
– recupero di equity e commodity (S&P +1.22%, Ice Brent +2.30%, Copper +2.20%).
– ovviamente (come spesso con rischio “on”): US treasury, Bund, Gilt e Usd sono venduti (10Y US +6bps a 2.62%, Usd index -0.20%).
– volatilita’ (implicita) in discesa sia su equity side (VIX index a 24.30, -2 punti), sia su FX (1MT atmf Eurusd da 12.40% a 12%).
I flussi sono limitati e i mercati recuperano terreno quasi “per forza di inerzia”.
 
Tre le parole d’ordine:
 
a) POCA LIQUIDITA’ (siamo in piena stagione estiva: lo “smart money” prendera’ posizione fine agosto/inizi settembre);
b) SI CERCANO NUOVE IDEE (a nessuno piace investire in Govies al 0.5%, specialmente se gli scenari di “gelo” deflazionistico non si dovessero verificare).
c) UN RALLENTAMENTO DELLA CRESCITA ECONOMICA (IN US E ALTROVE) E’ DATO PER SCONTATO (ieri, per esempio, Us housing data non hanno mosso il mercato).
 
I punti b) e c) ci fanno essere (moderatamente) positivi su equity side e negativi Usd (ma NON contro Eur!).
 
2 – FOREX
l’EUR recupera terreno (-0.8% in intraday per poi ridiscendere). JPY oscilla di area 85.50
 
Ragioni del recupero dell’Eur:
 
a) Forte la domanda nell’asta di bond Irlandesi e spagnoli ( 5.5bn, tenor 12 e 18-month): Il “Sovereign Risk” e’ assolutamente Eur-negativo. Sapere che qualcuno compra (ancora) Govies spagnoli tranquilizza i mercati.
b) Equity e commodity UP sono associati a vendite Usd (e quindi acquisti di Eur).
c) flussi sono contenuti e il move a favore del USD e’ stato troppo veloce.
 
JPY in trading range (85.2/85.60).
a) il mercato sembra in attesa delle mosse dei politici giapponesi e della BOJ: possibile intervento (quantomeno verbale)? 
b) Il Risk Reversal e’ relativamente cheap (grafico allegato).
c) Tre sono le ragioni a favore del long JPY:
– l’intervento della BOJ non piacerebbe agli americani (la Cina non sarebbe piu’ l’unico “currency manipulator”).
– gli esportatori giapponesi sono competititivi grazie ad anni di deflazione interna. Il JPY forte non e’ gradito ma e’ “sopportabile” (quindi ci sono meno pressioni sulla BOJ),
– per fare carry trades c’e’ l’imbarazzo della scelta (i tassi zero ovunque non solo in Giappone).
 
3 – OGGI
Nulla di davvero market mover. Watchlist: Japanese swaps,  EU 2Y swaps, Usd/nok e Usd/sek.
  

Mr Rosebud
Se vuoi commentare l’articolo o approfondire/criticare le tesi esposte scrivi a
commenti@finanza.com. I commenti pi interessanti saranno pubblicati e riceveranno risposta compatibilmente con gli impegni professionali di Mr. Rosebud