1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Imprese: 5 punti per la crescita (pensioni, fisco, liberalizzazioni, infrastrutture, privatizzazioni)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Italia si trova davanti ad un bivio. Il primo cartello indica la strada delle riforme e della crescita in un contesto di stabilità dei conti pubblici; il secondo è una spirale verso un declino economico e sociale. Sono queste le parole usate da Ivan Malavasi nel presentare a Roma il “Progetto delle imprese per l’Italia”. Oltre alla presidente di Rete Imprese Italia, il documento è stato presentato da Giuseppe Mussari (Abi), Emma Marcegaglia (Confindustria), Luigi Marino (Alleanza Cooperative Italiane), Fabio Cerchiai (Ania). Per le imprese italiane il tempo è scaduto. “Da troppo tempo l’Italia non cresce, da troppo tempo le nostre imprese perdono competitività, da troppo tempo i giovani italiani vedono ridursi opportunità e speranze, da troppo tempo il 95% dei contribuenti dichiara redditi inferiori a 50 mila euro”, si legge nel documento. Adesso, quindi, sono necessarie scelte immediate e coraggiose, non più rinviabili vista la crisi che ha colpito i mercati azionari e il deprezzamento dei Buoni del Tesoro. La ricetta delle imprese per rilanciare la crescita si fonda su cinque questioni prioritarie: riforma delle pensioni, riforma fiscale, cessioni del patrimonio pubblico, liberalizzazioni e infrastrutture.