Impregilo: maglia rosa sul Ftse Mib, rumors di stampa su bond di Salini al servizio di un'Opa

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 16/03/2012 - 11:50
Quotazione: IMPREGILO

La battaglia su Impregilo è aperta e né Gavio né Salini sembra vogliano mollare il colpo. La partita per il costruttore romano pareva ormai persa nel momento in cui il gruppo di Tortona era salito al 29,9% del general contractor acquisendo la totalità di Igli da Atlantia. Ora invece, secondo quanto riportato dai maggiori quotidiani nazionali, Salini ha acquistato un ulteriore 0,3% Impregilo portando così la sua partecipazione al 22,4%, dopo che l'8 marzo scorso si era impossessato di una quota pari al 2%. In particolare, con un internal dealing del 28 e del 29 febbraio scorso, il gruppo della Capitale ha acquistato azioni per un totale di 1,5 milioni di titoli ordinari Impregilo al prezzo unitario di circa 2,60 euro per un esborso complessivo di 2,99 milioni di euro. Ma la corsa, come già riportato dalla stampa nei giorni scorsi, potrebbe non fermarsi qui. Nei piani del gruppo romano ci sarebbe infatti l'intenzione di portare la partecipazione nella società costruttrice fino al 25%, avvicinandosi così alla quota in mano al rivale Gavio.

Se fino adesso il lancio di un'Opa da parte di Salini era vista come un ipotesi plausibile ma poco probabile, è il Corriere della Sera a rilanciare come più concreta l'operazione. Ma non solo, sempre secondo il quotidiano nazionale, il costruttore romano avrebbe allo studio anche  l'emissione di un prestito obbligazionario che servirebbe sì a finanziare l'attività di costruzione, ma soprattutto a sostenere la l'eventuale offerta pubblica d'acquisto.

L'appuntamento ora è rimandato a lunedì giorno in cui si riunirà il consiglio di Impregilo, chiamato all'approvazione del bilancio 2011 che sarà sottoposto all'assemblea degli azionisti il prossimo 3 maggio. assemblea che si preannuncia tesa: in quell'occasione Salini avrebbe l'occasione di presentare il suo obiettivo conosciuto da tempo, ossia il lancio del piano di fusione tra il suo gruppo con il general contractor e ottenere l'ok dai soci.

Vola il titolo sul Ftse Mib, che conquista la vetta del listino delle blue chips con un rialzo del 4,14% a quota 3,068.

COMMENTA LA NOTIZIA