1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Casa ›› 

Immobili di pregio: cali contenuti nella prima parte dell’anno

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il mercato degli immobili di pregio nella prima parte del 2013 ha registrato diminuzioni molto contenute. Una tendenza messa in luce dall’ufficio studi di Tecnocasa. Una sostanziale tenuta giustificata dal fatto che gli immobili di pregio rappresentano un segmento che interessa abitazioni dal valore spesso superiore al milione di euro, ricercate ed acquistate da persone molto attente nelle loro scelte di acquisto e poco propense a cedere sugli standard qualitativi dell’abitazione. Nonostante sugli immobili di prestigio l’offerta sia più limitata, si registra comunque negli ultimi tempi una maggiore possibilità di scelta per il potenziale acquirente che temporeggia fin quando non trova l’immobile più adatto alle proprie esigenze. Questo ha determinato un allungamento delle tempistiche di vendita dal momento che c’è una maggiore ponderazione della scelta d’acquisto. Chi cerca soluzioni di prestigio si orienta su tagli superiori a 150 mq, con una buona luminosità, dotati di posto auto o box. Inoltre è richiesta la presenza di un balcone o del terrazzo, preferibilmente con affacci su piazze importanti o con vista panoramica. Spesso l’acquirente cerca delle soluzioni abitative inserite in contesti immobiliari d’epoca, magari con rifiniture architettoniche di prestigio. A Milano per scovare le abitazioni più costose bisogna andare in zona Brera e in particolare in via Borgonuovo (12 mila euro al metro quadro per una soluzione signorile in buono stato), piazza del Carmine e Monte di Pietà (10-11 mila euro al metro quadro), Fiori Chiari e Fiori Scuri (8-10 mila euro al metro quadro).
Quanto a Roma nelle aree più centrali sono sempre molto apprezzate le tipologie signorili realizzate tra il XVII ed il XX secolo che si trovano nell’area di piazza di Spagna, le cui quotazioni oscillano tra i 9mila e i 15mila euro al metro quadro.