IG Markets, il successo del Cfd Tour fa tappa a Bari

Inviato da Redazione il Dom, 27/03/2011 - 19:58
Si è conclusa con la tappa di Rimini del 23 marzo il primo blocco del CFD tour targato IG Markets. Il roadshow formativo organizzato dal leader mondiale nell'offerta di Contratti per Differenza riprenderà da Bari il prossimo 31 marzo e toccherà l'1 aprile Pescara, il 2 Roma per poi concludersi il 4 aprile a Cagliari.
"Le tappe di Torino, Padova e Rimini hanno visto una presenza numerica di pubblico più che soddisfacente" esordisce il numero uno della divisione italiana del broker inglese, Alessandro Capuano, secondo cui la scelta di tenere gli eventi nel pomeriggio ha rappresentato un fattore positivo per gli investitori in quanto "hanno potuto vedere dal vivo l'applicazione delle strategie di trading proposte".
La volatilità che contraddistingue l'andamento dei mercati dopo la pubblicazione dei dati macro Usa ha senza dubbio giocato un ruolo chiave. "La scelta di tenere le lezioni nel pomeriggio è stata presa proprio per sfruttare tale fattore", chiosa a riguardo Capuano.
Il modello verrà replicato anche nelle prossime tappe, con la sola eccezione di Roma che, essendo stata organizzata di sabato per venire incontro a coloro che durante la settimana sono impegnati con le loro normali attività lavorative, vedrà l'inizio del meeting presso l'Hotel degli Imperatori di Via Guido Gonella alle 9:30 del mattino.
Il pubblico accorso nelle prime tappe del roadshow dedicato al trading online ha apprezzato particolarmente le indicazioni tecniche e i piccoli segreti operativi scoperti nel corso degli anni dal consulente formativo di IG Markets, Bruno Moltrasio.
L'esperto ha mostrato, così come farà nel corso dei prossimi incontri in programma, alcuni indicatori selezionati tra le centinaia di pattern e strategie di trading testati nel tempo. In particolar modo l'attenzione è stata rivolta a 4 tipi di modelli, due più adatti a strategie di trading multiday e due invece più specifici per l'operatività intraday. Si tratta nell'ordine del Delphic Phenomenon, del Bow Tie, dell'IDNR4  e del Turtle Soup.
"Il Turtle Soup è un pattern molto utilizzato dai traders e sfrutta le false rotture di livelli importanti, quali massimi o minimi di periodo"  ricorda Moltrasio spiegando come "in questo caso ho rivisto le regole, molto precise, del modello creando una variante del Turtle Soup originale ideato da Lind Raschke"
Pattern molto efficace per il brevissimo termine, vede inizialmente la necessità di individuare un massimo a 20 periodi. Poi si attende che i prezzi violino questo livello per subito riportarsi al di sotto. Il massimo, una volta violato al ribasso costituisce il livello di entry point per lo short. L'uso di alcuni filtri introdotti da Bruno Moltrasio aiutano ad eliminare alcuni falsi segnali. L'inverso vale ovviamente per un trade rialzista da effettuarsi su rottura e recupero di un minimo a 20 periodi.
La vicinanza di IG Markets ai propri clienti, attuali o potenziali, questa volta va oltre le già preziose lezioni gratuite tenute da uno dei trader italiani di maggior successo quale è Moltrasio. La divisione italiana ha infatti raccolto le indicazioni tecniche del proprio formatore in un comodo Cd che verrà distribuito ai partecipanti, fornendo così un'arma in più per affrontare nel migliore dei modi le insidie del mercato.
" Il Cd, una volta caricato sulla piattaforma, può essere utilizzato in due modi: il primo consente di verificare manualmente se il grafico selezionato ha completato uno dei quattro modelli approvati da Moltrasio; il secondo, più raffinato, permette invece di portare a termine una scansione automatica in tempo reale di tutti i numerosissimi strumenti finanziari scambiabili con IG Markets" fa sapere il sales del broker britannico, Fabio De Cillis.
La voglia di far crescere le competenze e la sensibilità verso i mercati dei propri clienti ha inoltre portato IG Markets da un lato ad offrire inizialmente la possibilità di operare con frazioni di contratto e dunque con perdite potenziali, naturali per investitori alle prime armi, limitate, dall'altro lato si basa sul costante monitoraggio degli strumenti preferiti dai clienti nella loro strategia di trading.
"Il trend del momento indica un ritorno di fiamma verso il mondo delle commodity", puntualizza Capuano che parlando di  questo tipo di strumenti e delle strategie più adatte per sfruttare l'attuale ricorda come "nel Tour Cfd verranno inoltre spiegate possibili operazioni ricavabili dall'analisi delle correlazioni".
Visti i recenti movimenti di Borsa, un tema senza dubbio caldo è quello che lega l'oro all'argento. "Il ratio tra i due metalli preziosi viaggia sui minimi degli ultimi 20 anni", chiosa in chiusura il capo del Desk italiano evidenziando come questo "può essere sfruttato per andare short di argento e al tempo stesso hedgiare la posizione andando long di oro".
Per chi fosse interessato a queste e altre tematiche che verranno affrontate nel corso delle tappe di Bari, Pescara, Roma e Cagliari del Cfd Tour è possibile vedere i luoghi e gli orari delle location dei seminari cliccando il link sottostante:
COMMENTA LA NOTIZIA