IG lancia il Cfd sull'Ipo di Poste Italiane

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 21/05/2014 - 10:11
IG, leader globale nel mercato dei Cfd (Contract for Difference) su azioni, indici, forex e molti altri prodotti, lancia un nuovo contratto per differenza (Cfd) che permetterà di investire sul titolo Poste Italiane prima della effettiva quotazione.

IG quoterà come market maker in via continuativa un prezzo di acquisto e vendita basato sull'aspettativa di capitalizzazione dell'azienda alla chiusura di contrattazione nel primo giorno di quotazione. I prezzi rifletteranno pertanto le aspettative del mercato sul valore di capitalizzazione di Poste Italiane. Il Cfd sul titolo Poste Italiane, gestito dalla sala trading IG di Londra, è disponibile a partire da oggi per qualsiasi cliente IG in tutto il mondo. È la prima volta che il broker inglese lancia un Cfd su un titolo italiano.

Il prodotto, in contrattazione dalle 9:05 alle 22 (ora italiana). Il valore di ogni singolo contratto è stato fissato a 1 euro, mentre la "tick size", ossia la minima variazione significativa di prezzo, è pari a 100 milioni di euro. In sostanza se il Cfd quota denaro e lettera rispettivamente a 110/120, il mercato prezza che la capitalizzazione di mercato di Poste Italiane al termine della prima giornata di scambi sarà pari a 11/12 miliardi di euro.

"Dopo il successo del Cfd sulla quotazione dei titoli Facebook, Twitter, Alibaba e la più recente quotazione di Royal Mail avvenuta nell'ottobre 2013, IG, grazie a un'esperienza di 40 anni nella creazione e quotazione di questo tipo di prodotti, è certa di bissare il grande risultato ottenuto - afferma Alessandro Capuano, Managing Director della filiale italiana di IG. "La IPO di Poste Italiane rappresenta un'opportunità importante per il nostro paese. Con questa operazione - continua Capuano - abbiamo dimostrato ancora una volta di adattare le capacità di un gruppo internazionale come IG alle esigenze dei mercati regionali e sono certo che il nuovo Cfd di IG su Poste Italiane riscuoterà notevole successo sia da parte della clientela italiana, sia da parte dei nostri clienti internazionali desiderosi di investire in Italia. Da oggi il nostro Cfd su IPO di Poste Italiane sarà il barometro dell'andamento dell'offerta. Fare da market maker - conclude Capuano - ci permetterà di monitorare costantemente le aspettative sul titolo e il nostro Cfd sarà un ottimo indicatore sull'andamento della Ipo e del prezzo che ci si aspetta alla chiusura del primo giorno di negoziazione".

Il Gruppo Poste Italiane conta, alla fine del 2013, più di 140.000 dipendenti ed è presente sul territorio con oltre 13mila uffici postali. Nell'esercizio 2013 ha registrato un utile netto di 1 miliardo di euro a fronte di 26,2 miliardi di ricavi totali.
COMMENTA LA NOTIZIA