1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ifil-Exor, perquisizioni nelle sedi di Ifil e di Merrill Lynch

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Da Torino a Milano, dopo i primi indagati, arrivano anche le perquisizioni nella doppia inchiesta su Ifil-Exor. Vanno parallele le indagini delle Procure sull’operazione che l’anno scorso consentì alla finanziaria di casa Agnelli di mantenere il possesso del 30% della Fiat. Ieri la Guardia di Finanza ha perquisito gli uffici di Ifil a Torino e la sede di Merrill Lynch a Milano in una operazione congiunta nell’ambito delle inchieste condotte dalle procure di Torino e Milano sull’operazione Ifil-Exor. Almeno cinque sono i faldoni sequestrati, pieni di documenti cartacei e copie di file presenti sui computer esaminati. Fonti giudiziarie e investigative hanno riferito che le inchieste ipotizzano i reati di aggiotaggio informativo e ostacolo all’autorità di vigilanza. Ifil ha detto che “come era stato fatto nei confronti di Consob, è stata messa a disposizione della procura tutta la documentazione richiesta”. Tra gli iscritti sul registro degli indagati della procura di Torino ci sarebbero Gianluigi Gabetti, presidente Ifil, Franzo Grande Stevens, consigliere d’amministrazione, e Virgilio Marrone, membro del cda di Exor, controllata Ifil .