Ifil: Centrosim, l'operazione Sequana fa pregustare revisione prezzo target

Inviato da Redazione il Lun, 27/06/2005 - 10:24
Ifil sotto la lente di Centrosim. Complice la cessione di Sequana, controllata al 53% dalla finanziaria degli Agnelli, della propria quota di Permal per 705 milioni di euro. L'operazione prevede inoltre il pagamento da parte di Permal di un dividendo straordinario di 100 milioni a favore di Sequana. L'incasso complessivo che Sequana dovrebbe realizzare entro novembre è quindi di 630 milioni di dollari: 530 milioni come prima parte del prezzo di cessione e 100 milioni di dividendo straordinario. Ne deriva per Sequana la possibilità di distribuire a sua volta un dividendo straordinario. Una bella operazione che fa pregustare una posizione finanziaria di Sequana in seguito all'incasso positiva per circa 275 milioni. Secondo indiscrezioni di stampa nell'ipotesi di una totale distribuzione della cassa fino ad azzeramento della posizione positiva, il dividendo straordinario spettante ad Ifil potrebbe arrivare a 150 milioni di euro sonanti. "Il Nav stimato per Ifil è di circa è di 5,4 euro per azione e lo sconto sul Nav è pari al 36%, essenzialmente in linea con lo sconto medio registrato nel corso del 2004 e 2005. Nel caso si verifichi l'ipotesi di incasso di 150 milioni per Ifil, il Nav subirebbe un incremento del 2,5% circa, toccando 5,54 euro, cosa che ci indurrebbe ad alzare il target della stessa", sostengono gli analisti di Centrosim. Si vedrà fra qualche mese, intanto gli esperti della sim milanese confermano il rating neutral su Ifil indicando un prezzo target a 3,7 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA