1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ifi, l’utile trimestrale cala a 41,5 milioni di euro per colpa di Ifil

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il consiglio di amministrazione di Ifi ha approvato i risultati dei primi tre mesi del 2006, che hanno evidenziato un utile consolidato di gruppo pari a 41,5 milioni, in calo rispetto ai 49,1 milioni dell’analogo periodo del 2005. “Il decremento, pari a 7,6 milioni – si apprende da una nota stampa diramata dalla finanziaria della famiglia Agnelli – deriva dal minor risultato registrato nel periodo dalla controllata Ifil”. Quest’ultima ha infatti archiviato il primo quarto del 2006 con un utile netto consolidato in discesa a 67,3 milioni, contro gli 81,4 milioni messi a segno nei primi tre mesi del 2005. Il patrimonio netto consolidato del Gruppo Ifi al 31 marzo 2006 ammontava a 3.199,9 milioni, in miglioramento sui 3.084 milioni registrati a fine 2005, mentre l’indebitamento finanziario di Ifi spa al 31 marzo 2006 si attestava a 303,1 milioni, in aumento di 25,4 milioni rispetto al dato di fine 2005 (277,7 milioni), “essenzialmente a seguito degli investimenti effettuati per incrementare la partecipazione nella controllata Ifil (18,4 milioni)”.