Hp-Eds, attesa oggi ufficializzazione accordo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nella serata di ieri sono arrivate le conferme di Hewlett Packard ed Eds alle indiscrezioni pubblicate dal Wall Street Journal sulla ricerca di un accordo che vedrebbe la prima offrire circa 13 miliardi di dollari per acquisire il numero due globale nei servizi informatici alle spalle di Ibm.


L’acquisizione farebbe fare un gran balzo in avanti a Hewlett Packard, attualmente numero cinque al mondo del settore, e porterebbe alla nascita di un pericoloso concorrente per Big Blue, come viene chiamata Ibm. La divisione servizi di Hewlett Packard ha infatti chiuso il 2007 con ricavi superiori ai 16,5 miliardi di dollari contro i 57 del leader. Eds, specializzata nei servizi di outsourcing ha invece registrato ricavi nel settore per circa 22 miliardi di dollari.

L’annuncio ufficiale è atteso nella giornata odierna, ma ieri le indiscrezioni hanno mandato in orbita i titoli della compagnia fondata dal miliardario Ross Perot nel 1962, con rialzi superiori ai 30 punti percentuali e una chiusura finale a +28%. Penalizzati invece i titoli Hewlett Packard, arretrati del 4,86% in un Nasdaq galvanizzato (+1,76%) dalla notizia della nuova operazione straordinaria e dall’arretramento del petrolio dopo le tensioni della settimana scorsa.


Per la compagnia di Santa Clara si tratta di un ritorno in grande stile sul mercato dell’M&A. L’ultima acquisizione rilevante risale infatti al 2002 quando vennero pagati 19 miliardi di dollari per il produttore di pc Compaq. Ora Hewlett Packard sembra voler spostare il proprio focus dalla sola produzione e fornitura di prodotti per Information Technology all’offerta di un servizio completo per la progettazione e la gestione dell’IT delle aziende, campo d’azione finora dominato da Ibm. La mossa non mancherà, ed è quello che sperano gli operatori del floor del Nasdaq, di avere ripercussioni sull’intero settore e potrebbe dare il là all’avvio di un generale processo di consolidamento. Gli effetti dell’ormai probabile deal si sentono a cascata anche in Europa e in particolare a Parigi, dove il titolo di un’altra società attiva nel settore dei servizi informatici, Cap Gemini, segna un progresso del 2,7% a 40 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…