Hedge fund, andamento nel I sem. 2005 (Fondionline.it)

Inviato da Redazione il Ven, 19/08/2005 - 10:15
Nella prima parte del 2005 l'operatività di molte tipologie di hedge fund è stata influenzata da: elevata correlazione tra i titoli; assenza di una giusta percezione del rischio in diverse asset class; bassa volatilità; shock sul mercato del credito verificatosi ad aprile. Questo scenario si è riverberato in particolare sulle strategie relative value legate al mondo del credito, che hanno avuto un inizio di anno complesso, mentre le strategie più opportunistiche, dopo un inizio difficile, hanno ottenuto rendimenti positivi. I best performer sono risultati essere i fondi operativi nei mercati emergenti (+5,62% Ytd), che hanno potuto beneficiare del trend di crescita sia dei mercati azionari sia dei mercati obbligazionari di quest'area. Al secondo posto per rendimento i fondi hedge event driven e distressed securities, (rispettivamente +3,60 e 4,09%) cui l'elevato numero di operazioni di finanza straordinaria (merger & acqusition, spin off, special dividend, ecc.) e di ristrutturazioni ha offerto un ricco e diversificato ventaglio di opportunità. Bene anche i fondi di tipo global macro con approccio quantitativo e un orizzonte temporale di breve periodo che hanno potuto sfruttare i trend nei diversi mercati. I risultati dei fondi long/short equity evidenziano una forte dispersione di rendimenti tra i diversi hedge della categoria a seconda dello stile di gestione (trading, fondamentalisti, specializzati, ecc), del mercato di riferimento e dell'esposizione al mercato. In generale, per questa strategia il semestre si è chiuso in progresso dello 0,86%, anche se i gestori long/short equity operativi in Europa hanno ottenuto mediamente risultati migliori rispetto a quelli operativi negli Usa. Poco brillante la performance dei managed futures (-0,91%) che impostando i portafogli per sfruttare trend di medio o lungo periodo ne hanno sofferto la mancanza o l'inversione. Semestre difficile anche per i fixed income arbitrage che a causa dell'appiattimento della curva in Usa, dei bassi tassi di interesse in Europa e di una volatilità contenuta hanno chiuso con un rendimento ytd negativo dell'1,12%. Il 2005 sarà certamente ricordato come uno degli anni più difficile per il settore convertible arbitrage che a causa di un forte sell off di titoli e della mancanza di volatilità ha archiviato il primo semestre dell'anno con un rendimento negativo del 6,34%. Per quanto riguarda i fondi di fondi, secondo l'Hfr Fund of Funds Composite Index, benchmark rappresentativo dei fondi hedge internazionali, il rendimento medio del settore nei primi sei mesi del 2005 è stato pari a +1,09%. I migliori multimanager sono risultati essere quelli operativi nella selezione di fondi hedge opportunistici (long/short equity, macro e emerging markets), mentre i più penalizzati sono stati quelli specializzati nella selezione di hedge di tipo relative value. A cura di www.fondionline.it
COMMENTA LA NOTIZIA