1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Guerra del gas ancora nell’occhio del ciclone, la Ue non si fida dell’intesa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le firme di Gazprm, da parte russa, e di Naftogaz, da parte ucraina, sui contratti che dovrebbero sancire se non la fine della guerra del gas ma una sostanziale tregua – il gas a Kiev sarà fornito con uno sconto del 20% sul prezzo di mercato – sono attese per oggi, quando la premier ucraina Julia Timoshenko ritornerà a Mosca per incontrarsi un’altra volta con il collega Putin. Il condizionale, ormai, è d’obbligo in una vicenda dove si annunciano accordi, che poi regolarmente saltano,m si enfatizzano intese che invece si trasformano in nuovi dissidi, ed infatti l’Unione Europea, piuttosto guardinga, è lungi dall’esultare: “Salutiamo l’annuncio di un accordo politico, ma siamo anche molto prudenti perché se ci sono stati troppi accordi cancellati e promesse non mantenute – ha ricordato la presidenza ceca di turno della Ue – ci sono state troppe false partenze in questa discussione”.