1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

La Grecia torna sotto i riflettori, Atene prepara maxi bond negli Stati Uniti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Grecia prepara un nuovo sbarco negli Stati Uniti per raccogliere tra i 5 e i 10 miliardi di dollari entro maggio. Secondo quanto riportato dal Financial Times, dopo due anni Atene si appresta a collocare sul mercato statunitense un maxi bond da miliardi di dollari e per la prima volta si presenterà sotto le spoglie di Paese emergente. Il quotidiano economico londinese aggiunge che “con questa emissione la Grecia punta a diversificare la propria base di investitori e dopo il 20 aprile” il ministro delle Finanze ellenico, George Papaconstantinou, inizierà un roadshow negli States per convincere gli americani ad investire nei titoli di Stato greci. Il governo ellenico deve raccogliere 5-10 miliardi per rimborsare circa 10 miliardi di titoli e interessi in scadenza a maggio. Morgan Stanley dovrebbe assistere Atene nell’operazione di collocamento dei bond greci sull’altra sponda dell’Atlantico.


La Grecia continua quindi a restare sotto i riflettori dopo che oggi altre fonti del Governo ellenico, citate dall’agenzia Market News International, spiegano che Atene vuole modificare l’accordo raggiunto il mese scorso al vertice di Bruxelles ed evitare il ricorso al Fondo monetario internazionale che, in cambio degli aiuti, imporrebbe delle condizioni molto rigide, con possibili ripercussioni a livello sociale e politico. Inoltre ci sarebbero contrasti tra la Germania e gli altri Paesi dell’area euro circa il tasso al quale concedere l’aiuto di emergenza alla Grecia qualora fosse necessario. La maggior parte dei Paesi sarebbe disposta a concedere un tasso del 4-4,5% (quello pagato da altri grandi debitori come l’Irlanda e il Portogallo), mentre la Germania vorrebbe concederlo al 6-6,5%, ovvero quanto quotato dal mercato sul titolo a 10 anni greco.  

Ad aggiungere benzina sul fuoco e riportare la crisi della Grecia al centro della scena ha contribuito anche un articolo del Daily Telegraph secondo cui società e ricchi privati stanno portando i loro capitali fuori dal Paese. I dati della Banca centrale di Atene mostrano che a febbraio sono usciti dal Paese oltre 3 miliardi di euro di depositi detenuti da privati e imprese, mentre a gennaio ne erano usciti 5 miliardi.