1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Grecia: S&P’s riduce outlook da “stabile” a “negativo”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La mannaia di Standard and Poor’s torna a calare sulla Grecia. Ieri sera l’agenzia internazionale ha tagliato l’outlook del debito greco, portandolo da “stabile” a “negativo”, citando i ritardi nell’applicazione del programma di riforme pattuito con i creditori internazionali. S&P’s ha confermato il rating ‘CCC’ ma il rating potrebbe subire un ulteriore sforbiciata in scia al deterioramento della situazione economica del Paese. Secondo gli esperti Atene potrebbe inoltre dover far ricorso a un nuovo sostegno finanziario da parte dell’Ue-Fmi per il 2012. E infine stando alle previsioni fornite dall’agenzia Usa l’economia greca si contrarrà del 10-11% nel 2012-2013, una flessione peggiore rispetto al 4-5% pronosticato da Ue-Fmi.

Commenti dei Lettori
News Correlate
OBBLIGAZIONARIO

Saipem: rinnovato e ampliato il Programma EMTN

Via libera del Cda di Saipem al rinnovo per un anno del programma di emissioni di prestiti obbligazionari non convertibili denominato Euro Medium Term Notes Programme (“EMTN”), in scadenza nel prossimo mese di luglio.

L’importo massimo delle obbl…

NUOVI CONTRATTI

Astaldi: nuovo contratto ferroviario da 82 milioni di euro in Polonia

Il Gruppo Astaldi si è aggiudicato i lavori di ammodernamento di una tratta della Linea ferroviaria E-59 Varsavia-Poznań (Lotto IV). Il valore delle opere da realizzare è pari a 82 milioni di euro, con Astaldi leader di un raggruppamento di impr…

IMMOBILIARE

Beni Stabili: venduto immobile a Luxottica per 114,5 milioni

Beni Stabili oggi ha firmato un accordo per la vendita al Gruppo Luxottica di un immobile, uso uffici, di 11.705 mq situato a Milano in via San Nicolao per circa 114,5 milioni di euro.

Il prezzo dell’immobile è superiore al valore di perizia e ge…

MERCATI

Mercati europei sotto la parità. BCE e BoE sotto i riflettori

Chiusura sotto la parità per le borse europee in scia della debolezza del comparto delle utilities (-2,4%), delle Tlc (-1,3%) e dell’automotive (-1,57%). A penalizzare quest’ultimo settore è stato il warning lanciato dalla tedesca Schaeffler (-10,87%…