La Grecia scampa al default, sì dell’Eurogruppo agli aiuti da 130 miliardi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Niente default per la Grecia. All’alba di oggi è arrivata la notizia che il secondo pacchetto di aiuti internazionali da 130 miliardi di euro arriverà entro il 2014, evitando così il “default disordinato” di Atene. Il testo finale dell’accordo qui.
Una trattativa durata tutta la notte, e conclusasi con un’intesa che porta gli investitori ad accettare una pesante svalutazione dei titoli di Stato ellenici, a fronte di un più stringente impegno del governo greco – quale che sia – a correggere i conti pubblici e a portare il rapporto debito pubblico/Pil al 120,5%, poco oltre il livello inizialmente concordato del 120%. A monitorare costantemente la realizzazione di queste condizioni, ci sarà la “troika”, che di fatto presidierà Atene per tutta la durata del programma di riforme.

L’intervento degli Stati membri e degli investitori privati

Gli aiuti arriveranno dall’EFSF, in attesa che, a marzo, il Fondo Monetario Internazionale decida di quale entità debba essere il suo contributo. Altro denaro arriverà dalla Bce: si tratta dei profitti derivati dai titoli di Stato greci detenuti in portafoglio negli ultimi due anni, che verranno versati agli Stati dell’Eurozona che hanno deciso di sostenere il debito ellenico. Le stesse banche centrali nazionali che detengono titoli di Stato Greci rinunceranno fino al 2020 ai profitti ad essi legati, per cederli alla Grecia ad alleggerimento del suo debito. Un ulteriore taglio (il 2,8%) deriverà dall’abbassamento retroattivo dei tassi di interesse sui debiti contratti da Atene nei confronti degli altri Stati dell’Unione Europea.
Per quanto riguarda invece la partecipazione degli investitori privati, la svalutazione nominale dei titoli di Stato ellenici posseduti in portafoglio sarà del 53,5%. I titoli saranno scambiati con titoli a più lunga scadenza con cedola del 3% fino al 2014, del 3,75% fino al 2020 e del 4,3% oltre il 2020. L’Eurozona si attende un’adesione del 90% a questo accordo.

Mario Monti: “speriamo nei mercati”

L’accordo, sommato ai 110 miliardi della prima tranche di aiuti del 2010, porta complessivamente nelle casse ateniesi 240 miliardi di euro. Positivo il commento del numero uno della Bce Mario Draghi (“un accordo molto buono”), che però sottolinea come questo piano necessiti di sostegno politico e di un monitoraggio costante. E’ proprio per evitare il rischio di un voltafaccia da parte del nuovo governo greco che si formerà in aprile che l’Eurogruppo ha deciso di dilazionare gli aiuti in due anni. Mario Monti plaude all’accordo come ad un importante risultato per la Grecia e per l’Europa. “E per i mercati, speriamo”, conclude il premier italiano. Per ora, la reazione dei listini asiatici ed europei è all’insegna della volatilità.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…