1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Grecia ancora nella bufera all’indomani dell’Eurogruppo. Il debito di Atene potrebbe pesare su banche francesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il mercato non distoglie l’attenzione dalla questione Grecia all’indomani del vertice dei ministri dell’Euro Zona, conclusosi con un nulla di fatto. La pausa sarà però breve: il caso Atene verrà nuovamente preso in considerazione dai ministri in un nuovo meeting straordinario che si svolgerà domenica sera a Lussemburgo, prima degli incontri in agenda il 20-21 e del 23-24 giugno tra i leader Ue. Nei prossimi giorni, il 17 giugno, è previsto anche il faccia a faccia franco-tedesco tra la cancelliera Angela Merkel e il presidente Nicolas Sarkozy durante il quale il caso greco verrà sicuramente affrontato.
In uno scenario fortemente intricato si inserisce l’articolo pubblicato oggi dal Financial Times, che cita nell’articolo un documento della commissione europea. In bilico rimane il piano proposto dalla Germania che prevede il coinvolgimento degli investitori privati. In questa fase la domanda è una: cosa implicano in concreto i singoli piani?


Tra le opzioni, quella appoggiata dal Governo di Berlino, prevede la possibilità di stanziare 20 miliardi di euro di aiuti per ricapitalizzare le banche greche da parte dei Paesi della Zona euro. Il quotidiano britannico rimarca come quest’ulteriore iniezione di liquidità è legata al piano di salvataggio proposto dalla Germania con il coinvolgimento degli investitori privati. Ci sarebbero altre due ipotesi, caldeggiate da Francia e Bce, per scongiurare il coinvolgimento degli investitori privati. Le altre proposte sarebbero improntate sullo schema “Vienna initiative”, ovvero una sostituzione volontaria dei titoli in scadenza, che andrebbe ad allontanare il rischio default.

“L’impressione che ho è che qualche passo avanti sia stato fatto”, commenta Luca Mezzomo, responsabile area macroeconomica di Intesa Sanpaolo. “Se è vero quel documento della Commissione europea, gli elementi che sono contenuti confermerebbero la posizione della Bce sulla pericolosità di una soluzione che possa comportare un selected default”. “Mi sembra dunque che sposti abbastanza lo scenario per la partecipazione degli investitori privati”. Secondo Mezzomo, la posizione tedesca, anche dall’esame della Bce, ne risulta indebolita. E al tempo stesso l’istituto di Francoforte, fermo sin dall’inizio sulle sue posizioni, sta avendo nuovi appoggi. Un sostegno è arrivato ieri anche dal candidato unico all’EuroTower e Governatore uscente della Banca d’Italia, Mario Draghi, che ha detto “no” al default della Grecia.
Intanto oggi, mentre le proteste in Grecia proseguono, il Parlamento ellenico ha iniziato il dibattito sul budget 2011-2015. Tra le tappe fondamentali per il Paese ellenico il voto finale sul budget atteso tra il 28-30 giugno.


L’esposizione delle banche francesi al debito sovrano greco viene analizzata da Moody’s. L’agenzia di rating ha infatti messo sotto osservazione per un possibile declassamento il giudizio su BNP Paribas, Société Générale e Crédit Agricole. “La principale ragione delle tre possibili revisioni è l’esposizione della banche al debito sovrano greco, sia attraverso posizioni dirette in titoli di Stato, che tramite prestiti concessi al settore privato”, spiega Moody’s nella nota odierna. Una decisione che mette sotto pressione i tre titoli che cedono oltre l’1% a Parigi. Giù BNP Paribas e Crédit Agricole che cedono rispettivamente l’1,64% e l’1,75%. Ribassi superiori al 2% per Société Générale che perde il 2,24%.