A. Grech: le quotazioni dell’oro torneranno a salire ad agosto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta all’insegna delle prese di beneficio per il greggio, dopo i rialzi dei giorni scorsi. Il mancato consenso tra i Paesi esportatori nelle ultime sedute ha sostenuto le quotazioni del petrolio, permettendo al brent di tornare in quota 120 dollari ed al Wti di superare quota-100 a 102 dollari il barile. Nel corso della riunione Opec le posizioni di quei Paesi, capitanati dall´Arabia Saudita, orientati a mettere più greggio sul mercato e del fronte Iran-Venezuela sono apparse inconciliabili.

La decisione di confermare l’attuale livello per altri 3 mesi ha quindi spinto al rialzo i prezzi, che già scontavano un incremento della produzione di almeno 1,5 mln di barili al giorno. Sempre mercoledì una spinta rialzista è arrivata dai dati sull’andamento delle scorte, scese la scorsa settimana di 4,8 mln di barili.

In forte calo l’oro, che oggi arretra di quasi 16 dollari a 1.528 dollari l’oncia. Anthony Grech nel Commodities Update di IG Markets conferma la view rialzista sul metallo visto che “l’oro è un metallo stagionale che tende a sottoperformare tra maggio e luglio, prima di passare ad un periodo di sovraperformance ad agosto in vista della stagione di festa del Diwali in India”.

Chiudiamo con lo Zucchero, che grazie ad un +12,4% messo a segno nell’ultimo mese si sta riportando verso i massimi storici in scia delle notizie in arrivo dal primo produttore mondiale, il Brasile. ICAP do Brasil, il più grande produttore del Paese, venerdì ha annunciato di aver rivisto l ribasso le stime sui raccolti a causa delle forti piogge che hanno colpito il Paese.

I prezzi hanno così rotto, come segnala Christopher Beauchamp di IG Markets, la media mobile a 200 giorni e la media mobile a 20 giorni è tornata positiva. Si tratta di “segnali che dovrebbero contribuire a sostenere i prezzi”, ha detto Beauchamp. Nel lungo periodo la produzione record a 182,2 milioni di tonnellate è invece destinata a calmierare i prezzi ed a favorire la crescita delle scorte. Lo zucchero quota 28,85 centesimi la libbra.