A. Grech: la domanda cinese sostiene le quotazioni del cotone, attenzione ai temporali in Indonesia

Inviato da Luca Fiore il Gio, 04/11/2010 - 19:57
L'annuncio di un piano di allentamento quantitativo maggiore delle attese da parte della Federal Reserve ha aiutato la ripresa delle quotazioni dell'oro, che oggi sono tornate in quota 1.384 dollari l'oncia. Christopher Beauchamp di IG Markets rileva che gli investitori"continuano ad aumentare la loro esposizione sul metallo-rifugio sulla base dei timori circa l'ulteriore debolezza del dollaro statunitense". HSBC invece rileva che la vittoria repubblicana nelle elezioni di Mid Term statunitensi potrebbe portare ad un calo delle quotazioni, visto che probabilmente la nuova maggioranza alla Camera "opterà per budget ridotti".

Quasi 2 punti percentuali di rialzo (+1,94%) la scorsa settimana per i prezzi del rame, saliti a 3,8585 dollari per libbra. Anche in questo caso, rileva sempre da IG Markets l'analista David Choe, "la debolezza del dollaro (-2% per il dollar index) è stato il principale motore dei rialzi". Le prospettive per il rame rimangono stabili con la richiesta da parte delle economie emergenti ed i fattori legati all'offerta che preannunciano quotazioni in crescita.

Secondo un portavoce del Ministero dell'Industria cinese il consumo di rame in Cina potrebbe aumentare dalle 6,1 milioni di tonnellate dell'anno scorso a 8,5 milioni di tonnellate entro il 2015; secondo uno studio separato dal CRU di Londra, il consumo cinese di rame salirà a 20 milioni di tonnellate entro il 2035, al di sopra dell'attuale produzione mondiale.

Livelli record infine per il cotone, in rialzo dell'1,2% rispetto alla chiusura precedente, del +12,73% sulla settimana e dell'85% su base annua. Anthony Grech di IG Markets segnala che la striscia rialzista è prevalentemente dovuta alla speculazione secondo cui la Cina, il più grande consumatore al mondo della fibra, "non produce abbastanza cotone per soddisfare la domanda interna".

Secondo l'USDA, le importazioni di cotone in Cina sono previste in crescita a 13 milioni di balle quest'anno, il 19,3% in più rispetto all'anno precedente. Gli investitori secondo Grech "dovrebbero anche tenere d'occhio le condizioni climatiche; le previsioni di MDA Information Systems Inc hanno mostrato una zona di temporali nei pressi dell'isola indonesiana di Sumatra, che possono trasformarsi in un ciclone tropicale questo fine settimana. Questo potrebbe danneggiare le colture di cotone in India, il secondo più grande coltivatore al mondo".
COMMENTA LA NOTIZIA