Grano: rally dei prezzi in scia del possibile taglio alle esportazioni russe

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sesta seduta consecutiva con il segno più per le quotazioni del grano. Il derivato con consegna marzo quotato al Cbot segna un rialzo del 2,26% portandosi a 6,55 dollari per bushel. Le quotazioni, che nelle ultime 5 sedute hanno registrato un incremento superiore agli 8 punti percentuali, beneficiano delle indiscrezioni relative la possibile reintroduzione di un limite alle esportazioni russe.

Due i fattori che potrebbero indurre le autorità a frenare l’export: da un lato c’è il calo delle scorte, che in alcune aree sono inferiori del 50% rispetto ai livelli medi del 2010, dall’altro l’avvicinarsi di quota 24-25 milioni di tonnellate esportate, che secondo quanto dichiarato dalle autorità moscovite farebbe scattare le limitazioni. Stando alle stime degli analisti si tratta di un livello che potrebbe essere raggiunto a marzo o al più tardi aprile.