Governo: aria di crisi tra Imu e decadenza Berlusconi, per Equita mercati scontano un Letta bis

Inviato da Alberto Bolis il Lun, 26/08/2013 - 09:57
Sarà una settimana cruciale per le sorti del Governo che, dopo il vertice di Arcore, sembrava fosse già ai titoli di coda. "Far saltare tutto sarebbe una follia e sono convinto che alla fine prevarrà il buon senso", ha spiegato il premier Letta di ritorno da Kabul dove ha visitato i soldati italiani impegnati in Afghanistan. La maggioranza della stampa nazionale concorda però sul fatto che Silvio Berlusconi sia sempre più convinto che non esistano spazi di manovra e che l'unica soluzione sarebbero le elezioni a novembre.

La sorte del Governo sembra sempre più legata alla questione della decadenza di Berlusconi da senatore, con la Giunta per le immunità che si riunirà il prossimo 9 settembre, oltre che al nodo Imu, che sarà affrontato nel Consiglio dei Ministri in calendario mercoledì. Dal Pdl la voce è pressoché unanime e si potrebbe tradurre con l'equazione decadenza di Berlusconi uguale crisi di governo.

Dal Pd per ora non sembrano aprirsi spiragli. Questa mattina, in un'intervista a La Repubblica, il segretario Epifani ha dichiarato che i democratici voteranno sì alla decadenza di Berlusconi. "Mai avuto dubbi sul voto in Giunta, tra di noi non ci saranno franchi tiratori. E' pura legalità, non voglia di eliminare un avversario politico", sono le parole dell'ex numero uno della Cgil.
 
Uno spiraglio potrebbe essere rappresentato dalle "colombe" del Pdl che, secondo la stampa nazionale, starebbero tentando di tenere in vita un canale di trattativa anche perché Napolitano difficilmente scioglierebbe le Camere prima di un cambiamento della legge elettorale. La tensione politica, per il momento, non si è sentita sul mercato secondario dei titoli di Stato, dove lo spread questa mattina viaggia in area 240 punti base.

"Dobbiamo ammettere che la stabilità dello spread nei giorni scorsi ci ha colpito", ammettono gli analisti di Equita secondo cui "i mercati sono meno preoccupati dalla situazione politica di quanto si potesse immaginare, probabilmente perché scontano un governo Letta 2". La sim milanese vede quindi un po' di prese di beneficio nel breve, "ma non l'inversione del trend positivo di medio termine".
COMMENTA LA NOTIZIA