Google: garante privacy impone maggiore tutela dei dati utenti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Google dovrà mostrare maggiore attenzione nella gestione dei dati degli utenti che utilizzano i suoi servizi. Lo ha stabilito il Garante per la protezione dei dati personali al termine di un’istruttoria avviata lo scorso anno. E’ il primo provvedimento di questo tipo che viene adottato in Europa. Per utilizzare i dati degli utenti a fini di profilazione e pubblicità comportamentale personalizzata, “Google – si legge nel documento preparato dall’Authority – dovrà da ora in poi ottenere il consenso degli utenti e non potrà più limitarsi a considerare il semplice utilizzo del servizio come accettazione incondizionata”. La richiesta di consenso dovrà inoltre essere fatta in forma semplice e tale da non pregiudicare la navigazione dell’utente. Il motore di ricerca avrà diciotto mesi di tempo per adeguarsi alle prescrizioni del Garante.