Goldman punta ancora sulle commodity, nel 2008 è il turno di quelle agricole

Inviato da Redazione il Gio, 17/01/2008 - 12:04
Il 2008 sarà l'anno delle commodity agricole. E' questo in sintesi il pensiero di James Gutman, senior commodities economist di Goldman Sachs, intervenuto oggi a Milano alla Global Strategy Conference 2008 tenuta dalla casa d'affari. A giudizio di Gutman si assisterà a una convergenza tra petrolio, metalli industriali e commodity agricole per effetto di una domanda alimentare è stabile, di richiesta in crescita dall'allevamento e dell'esplosione della domanda per la produzione di carburanti. L'analista si aspetta infatti che la produzione di biofuel da materie agricole crescerà di 7 volte entro il 2015. Un basso livello di scorte e raccolti scarsi forniranno inoltre un supporto ciclico alla forza strutturale delle commodity agricole. Negli Usa Goldman Sachs prevede un declino sostanziale degli acri coltivati a mais nel 2008/2009 e nello stesso periodo i mercati di soia e mais saranno in deficit con scorte di grano già a un livello di deficit record.
COMMENTA LA NOTIZIA